01:06 25 Febbraio 2018
Roma+ 9°C
Mosca-14°C
    NATO

    Cotti, M5S, “L'Italia sia la Svizzera del Mediterraneo”

    © AFP 2018/ Brendan Smialowski
    Italia
    URL abbreviato
    5272

    “Una cosa è certa: il M5S si batte per l'uscita dell'Italia dalla Nato. Oggi bisogna ridiscutere non soltanto l'alleanza con la Nato ma tutti gli atti consequenziali firmati con gli Usa nel corso degli anni. Il futuro di una nazione civile come l'Italia è un futuro di neutralità e di pace".

    Esercitazioni Trident Juncture
    © AFP 2018/ FRANCISCO LEONG
    Il 21 ottobre è iniziata anche in Italia la fase attiva sul territorio di Trident Juncture 2015. Vi partecipano oltre 230 unità terrestri, aeree e navali e forze per le operazioni speciali di 28 paesi alleati e 7 partner, con 36 mila uomini, oltre 60 navi e 200 aerei da guerra, anzitutto cacciabombardieri a duplice capacità, convenzionale e nucleare. Per la prima volta anche l'Ucraina partecipa a un'esercitazione Nato.

    E poco importa che Capo Teulada sia uno splendido paradiso naturale della costa sarda. "Si vis pacem para bellum" scrissero gli antichi romani. Duemila anni sono passati e l'Occidente multimediale approva.

    "L'esercitazione Trident Juncture, prova muscolare di un modello di difesa pericoloso quanto obsoleto, è l'ennesimo atto di arroganza di poteri militaristi internazionali, che colpisce le incolpevoli popolazioni di Sardegna". Roberto Cotti, senatore sardo eletto nelle fila del M5S, dai banchi del Senato esprime così la propria indignazione verso la più grande esercitazione Nato dai tempi della guerra fredda.

    In un'intervista rilasciata in esclusiva per Sputnik Italia, il senatore rileva che in Sardegna "si sono potute fare le cose anche più turpi in passato perchè è una terra lontana dagli occhi degli italiani. Una classe politica inefficiente ha autorizzato sessant'anni fa la presenza del 61% delle servitù militari italiane nel suolo di uno dei paradisi naturali più belli della Terra. Ma, mentre in altre parti d'Italia i processi di compressione del gravame gravame militare si stanno concretizzando in Sardegna invece questo passaggio di riduzione non è ancora avvenuto perchè ancora oggi la classe politica regionale non è all'altezza di opporsi al governo nazionale".

    Come vive la popolazione sarda la presenza militare nella regione?

    "La Sardegna vive ancora in una sorta di assuefazione, anche mediatica. E questo lo sanno molto bene i governi che si sono succeduti i quali, in virtù del ricatto occupazionale, sono riusciti negli anni a far passare l'idea della monetizzazione delle servitù militari. Solamente negli ultimi anni vi è stata una crescita dell'attenzione da parte della gente ma siamo ancora molto lontani da una presa di coscienza generale e forte dei sardi che giunga al capo di governo e faccia capire al ministro Pinotti che è ora di finirla. E' una parte minoritaria della popolazione quella che effettivamente scende in piazza a urlare la propria contrarietà agli interventi militari in Sardegna, e ciò avviene soprattutto da quando la crisi che opprime il mondo del lavoro si è estesa anche al comparto della difesa".

    I carri armati americani  Abrams arrivano in Estonia per le esercitazioni della NATO
    © REUTERS/ Ints Kalnins
    I carri armati americani Abrams arrivano in Estonia per le esercitazioni della NATO

    Come valuta il ruolo della Nato nell'ambito geopolitico attuale? Ritiene ancora necessaria l'appartenenza dell'Italia al Patto Atlantico?

    "Il quadro geopolitico internazionale è evidentemente cambiato rispetto ai tempi in cui quei patti e quelle alleanze furono sottoscritte. A settant'anni dalla fine della seconda guerra mondiale, ora in Italia ci sono realtà politiche critiche, come il M5S, che ha avuto il coraggio pubblicamente, attraverso un video di Beppe Grillo pubblicato in rete qualche settimana fa, di rivendicare la necessità da parte dell'Italia di uscire dalla Nato. Anche se Grillo non ha esplicitato le modalità, una cosa è certa: il M5S si batte per l'uscita dell'Italia dalla Nato. Oggi l'Alleanza Atlantica non rappresenta più quella sicurezza di cui si avvertiva il bisogno negli anni della guerra fredda. Oggi gli scenari sono completamente mutati e bisogna ridiscutere non soltanto l'alleanza con la Nato ma tutti gli atti consequenziali firmati con gli Usa nel corso degli anni che hanno messo a disposizione della Nato e degli stessi Usa porzioni del territorio italiano, come la base di Aviano in Friuli e la base per sommergibili nucleari nell'arcipelago della Maddalena. Tutti questi atti sono secretati e vanno essere messi completamente in discussione. Il futuro di una nazione civile come l'Italia è un futuro di neutralità e di pace. L'Italia dovrebbe candidarsi a essere la Svizzera del Mediterraneo, dovrebbe appropriarsi del compito del dialogo fra le genti per evitare i conflitti e la corsa agli armamenti. La strada è ancora lunga ma il M5S sta portando questa discussione all'interno delle istituzioni e nel Parlamento."

    Correlati:

    Per espansionismo in Europa la NATO perde opportunità di lottare vs terrorismo
    La Nato si esercita per le cyber-warfares
    A Trapani la fase clou della più grande esercitazione Nato dei tempi moderni
    Tags:
    Trident Juncture, Esercitazioni NATO, NATO, Sardegna, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik