10:24 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-6°C
    Una donna musulmana

    Italiana fermata in Turchia: voleva raggiungere l'ISIS?

    © flickr.com/ Hani Amir
    Italia
    URL abbreviato
    0 18004

    Una giovanissima italiana di origini maghrebine ha fatto perdere le sue tracce per settimane. Poi l'annuncio di Ankara: trattenuta qui nel tentativo di raggiungere la Siria.

    C'è un alone di mistero e molte domande irrisolte dietro la vicenda di una giovanissima cittadina italiana, fermata in queste ore dalle autorità turche mentre, secondo le prime sommarie ricostruzioni, tentava di raggiungere la Siria. La giovane, una 17enne originaria di Piacenza, figlia di un'italiana e di un cittadino tunisino, avrebbe raggiunto la Turchia partendo dalla Francia, dove vive da anni con la famiglia nella periferia di Parigi.

    Domenica scorsa, secondo quanto riferito in queste ore dall'agenzia di stampa turca Anadolu, la polizia di Adana ha arrestato un uomo con l'accusa di essere un fiancheggiatore dello Stato islamico. Il fermato avrebbe offerto supporto logistico a cittadini europei intenzionati a prendere parte alla jihad del califfato.

    Dalle prime risultanze delle indagini sulle attività dell'uomo, sarebbe poi emerso che la polizia turca avrebbe provveduto in questi giorni al fermo di una serie di aspiranti jihadisti provenienti da Francia, Egitto, Germania, Indonesia ed Arabia Saudita, oltre ad un'italiana che, a questo punto, si sospetta possa trattarsi proprio della giovane piacentina allontanatasi da casa qualche settimana fa.

    Nella segnalazione che Ankara ha fatto pervenire al Viminale si parla genericamente di contatti con ambienti estremisti. Dopo una serie di segnalazioni delle ultime settimane, la giovane sarebbe riapparsa pochi giorni fa al confine siriano, dove la polizia turca è riuscita a rintracciata.

    Le persone in stato di fermo sono attualmente ospitate in un centro di detenzione locale e non sono formalmente accusate di alcun reato. Se le autorità turche non dovessero contestare loro alcuna infrazione, al termine degli accertamenti riceveranno un provvedimento di espulsione verso il Paese di provenienza. 

    Correlati:

    Pressioni e droga, ecco come i giovani finiscono nella rete di ISIS
    Nessun procedimento penale per studentessa accusata di volersi unire all’Isis
    Tags:
    Islam, musulmana, ISIS, Italia, Turchia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik