23:16 23 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca-4°C
    Oggi il ministro degli Esteri italiano arriva a Mosca

    Raid italiani in Iraq, Gentiloni: Nessuna decisione presa

    © AP Photo/ Ebrahim Noroozi
    Italia
    URL abbreviato
    49512

    Nelle ore in cui diventa centrale il dibattito sulla partecipazione attiva dei caccia italiani nei bombardamenti contro l'ISIS in Iraq, il ministro degli Esteri e quello della Difesa riferiscono alle commissioni parlamentari.

    Dopo le voci fatte circolare dal Corriere della Sera circa un imminente inizio delle operazioni offensive da parte dei caccia italiani, nell'ambito della coalizione internazionale contro lo Stato Islamico, il dibattito politico sull'ipotesi del coinvolgimento attivo dell'Italia si accende. La giornata di ieri, caratterizzata da un profluvio di dichiarazioni provenienti dai partiti italiani, si sono svolte le audizioni dei ministri degli Esteri e della Difesa, ascoltati dalle relative commissioni parlamentari.

    E se nel suo intervento Il ministro Roberta Pinotti ha lasciato trasparire la sensazione che si tratti ormai solo da stabilire "il quando" per dare il via alle operazioni dei caccia italiani, era stato pochi minuti prima il capo della Farnesina a frenare, smentendo tra l'altro la ricostruzione giornalistica del Corriere.

    "L'Italia non ha preso nuove decisioni sull'utilizzo dei propri aerei in Iraq. E se dovesse prendere tali decisioni, il governo non lo farebbe di nascosto ma in parlamento. La crisi non si risolve con un intervento unilaterale".

    Così Gentiloni prima delle parole del ministro della Difesa che invece ha parlato di "valutazioni in corso" per "ulteriori ruoli dei Tornado" italiani. Parole poi ribadite nel corso di un'intervista rilasciata al Tg1.

    "L'Italia nella lotta all'Isis, in Iraq c'è sempre stata: siamo ad Erbil, siamo a Baghdad, ci siamo con i nostri addestratori, con i carabinieri e con aerei da ricognizione che partecipano all'operato della coalizione. Eventuali diverse esigenze, sulla base del rapporto con gli alleati e con il governo iracheno verranno valutate ma certamente passeranno al vaglio del parlamento".

    Oggi e domani la stessa Pinotti sarà intanto a Sigonella per discutere della situazione con Ashton Carter, segretario alla Difesa USA. 

    Correlati:

    Iraq, la partecipazione italiana ai bombardamenti anti Isis suscita l'ira dell'opposizione
    Italia bombarderà ISIS in Iraq
    "Mi fido di Putin, sì ai raid della Russia contro ISIS anche in Iraq"
    Iraq favorevole all'impiego delle forze armate della Russia in Siria
    Tags:
    Terrorismo, Raid contro "Stato islamico", Il Ministero della Difesa, Paolo Gentiloni, il ministro degli Esteri, Roberta Pinotti, Iraq, USA, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik