19:46 24 Novembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca-4°C
    Primi strascichi in casa Pd dopo il voto all’Italicum. Sel pronta a creare una nuova forza politica.

    Riforma del Senato italiano, stasera il voto sul contestato art.2

    © AFP 2017/ Andreas Solaro
    Italia
    URL abbreviato
    119303

    In corso a palazzo Madama il dibattito sull'articolo che sancirà i criteri di composizione del nuovo Senato.

    Dopo la contestata approvazione dell'articolo 1 avvenuta ieri, è ripreso questa mattina nell'aula di palazzo Madama l'esame del disegno di legge Boschi di riforma costituzionale. Oggetto del dibattito di oggi è l'articolo 2, riguardante l'elettività dei senatori, oggetto di un intenso confronto interno al partito di maggioranza. La quadra trovata dal Partito Democratico con l'emendamento Finocchiaro, che prevede la scelta dei senatori da parte dei cittadini sulla stessa scheda su cui voterà per il consiglio regionale, sembra avere ricompattato, almeno nei numeri, la maggioranza che oggi è attesa da quello che appare forse come l'ultimo ostacolo, ossia il voto segreto. Intanto in una delle due votazioni svoltesi nella sessione della mattina, il governo è arrivato a quota 176, allargando di altri 4 voti la maggioranza fatta registrare ieri. 

    Delle 6 votazioni a scrutinio segreto inizialmente previste ne è stata infatti confermata per oggi soltanto una, su un emendamento a firma del senatore Roberto Calderoli, che di fatto chiede il ripristino dell'elezione diretta.

    Alle accuse mosse oggi a Pietro Grasso, provenute dai banchi dell'opposizione del Movimento 5 Stelle per bocca del senatore Nicola Morra, il presidente del Senato ha risposto dichiarandosi "imparziale e arbitro". Il senatore M5S nel suo intervento aveva parlato di farsa, accusando Grasso di avere "piegato la Costituzione ad uso e consumo della maggioranza". 

    Correlati:

    Italia, in Senato ore decisive per le riforme
    Riforma Senato, maggioranza trova accordo
    Tags:
    Riforma costituzionale, riforme, Lega Nord, Movimento 5 Stelle, Senato, PD, Roberto Calderoli, Pietro Grasso, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik