06:38 22 Novembre 2017
Roma+ 7°C
Mosca0°C
    Migranti su una delle tante carrette del mare in navigazione nel mare tra la Libia e l'Italia.

    Migranti, Alfano: Oltre 130mila arrivi nel 2015

    © AFP 2017/ MAHMUD TURKIA
    Italia
    URL abbreviato
    0 2602

    Il ministro degli Interni italiano in commissione Schengen: a novembre attivi gli hotspots italiani.

    Sono 130mila i migranti arrivati in Italia "quasi esclusivamente" dalla Libia nel 2015. A riferirlo è stato il ministro degli Interni Angelino Alfano, sentito questa mattina in audizione parlamentare al comitato parlamentare Schengen. Dei 130mila arrivi la nazionalità prevalente è quella eritrea con il 27% sul totale registrato, con nigeriani, somali e sudanesi a seguire.

    Il ministro nell'occasione ha anche annunciato che per novembre saranno attivi gli hotspots italiani, i centri voluti dall'UE per la registrazione dei migranti. La loro apertura è la condizione necessaria, così come descritto dal ministro, per l'avvio della fase di ricollocazione in ambito europeo che, nel caso italiano riguarderà 24mila rifugiati.

    Alfano ha infine fotografato la situazione attuale italiana, descrivendo la distribuzione dei migranti sul territorio nazionale. Delle 130mila persone arrivate nel 2015, 8mila sono ospitate in strutture governative, 20mila risultano residenti presso strutture predisposte dagli enti locali nell'ambito della rete Sprar, mentre gli altri 98mila si trovano in centri di accoglienza temporanei. 

    Correlati:

    Migranti, Ventimiglia: sgomberato campo No Borders
    Migranti, Mogherini: regole Dublino superate
    Orban vs Merkel, chi ha ragione sui migranti in Europa?
    Tags:
    Migranti, Profughi, Crisi dei migranti, Il Ministro degli Interni Angelino Alfano, Europa, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik