Widgets Magazine
09:11 12 Novembre 2019
Navi della speranza su cui i migranti approdano in Italia.

L’Italia ha la volontà politica di affrontare l’emergenza immigrazione?

© AFP 2019 / Januar
Italia
URL abbreviato
Di
253
Seguici su

Gli sbarchi degli immigrati continuano, come anche le morti in mare. Nonostante tutto Renzi, la presidente della Camera Boldrini e compagnia continuano a ripetere il solito ritornello delle fatidiche soluzioni comuni europee, che non si raggiungeranno probabilmente neanche al vertice straordinario del 14 settembre prossimo.

Forse non saranno dei muri col filo spinato la ricetta ideale per risolvere il problema in questione, ma stupisce la mancanza totale di posizione in un'emergenza simile da parte del governo italiano. Nel frattempo in Italia la tensione sale, aumenta il malcontento tra la popolazione in difficoltà economica per il sostegno che lo Stato dà ai clandestini che soggiornano nel Paese.

Germano Dottori
© Foto : fornita da Germano Dottori
Germano Dottori

L'Italia ha la volontà di affrontare l'emergenza immigrazione e difendere i propri interessi nazionali? Sputnik Italia ha raggiunto per una riflessione in merito Germano Dottori, docente di studi strategici alla Luiss e membro della redazione Limes.

— Che passi andrebbero intrapresi dall'Italia per uscire da questa emergenza?

— Il governo e l'opinione pubblica italiani devono accettare che esiste una differenza tra profughi, i quali possono essere accolti e ridistribuiti su scala europea, e immigrati economici. Il grosso è rappresentato proprio da questi ultimi, che occorre in qualche modo rimpatriare.

È tutto da vedere se l'Italia abbia la volontà e la forza politica di operare i rimpatri o i respingimenti accompagnati alla frontiera.

Io sono persuaso che l'Italia questa forza non ce l'abbia in questo momento, anche perché al suo interno c'è la Santa Sede, che preme in una direzione totalmente diversa. Ciò premesso, non è da escludere che l'Italia venga sospesa dagli accordi di Schengen e questo è un grave rischio che incombe sul nostro Paese.

— Nelle città italiane cresce la tensione e il malcontento per via di una situazione sempre più insostenibile. Non c'è il rischio che esploda un vero scontro tra italiani e immigrati?

ragazzo libico nel centro di accoglienza Palazzolo Acreide
© AFP 2019 / Giovanni Isolino
ragazzo libico nel centro di accoglienza Palazzolo Acreide

— L'arrivo in tempi rapidi di una consistente massa di stranieri in qualche modo suscita delle reazioni di rigetto nel corpo sociale che li ospita. Il fatto che l'Italia sia un Paese demograficamente anziano complica ancora di più l'equazione. La gente più anziana ha maggiore preoccupazione e maggiori timori rispetto ai giovani. C'è un risentimento inevitabile, che abbiamo visto anche in Francia: quando lo Stato deve sborsare dei soldi per provvedere alle esigenze elementari di persone che arrivano senza niente, si crea scontento nelle fasce di popolazione italiana più povere che non ricevono sostegno da parte dello Stato. La gente vede che lo Stato provvede ai bisogni delle persone che non appartengono alla nostra comunità nazionale.

-Perché il governo non assume posizioni forti in merito a questa situazione d'emergenza?

-Mi sono sempre chiesto come mai la sinistra italiana non lo comprenda: un aumento della presenza di stranieri sul territorio nazionale corrisponde inevitabilmente allo scivolamento dell'equilibrio politico verso destra. In qualche modo favorendo l'immigrazione, anche solo tollerandone l'aumento, le forze politiche del centrosinistra preparano la propria sconfitta. Questa cosa è stata capita molto bene già nello scorso decennio dalle forze progressiste in Danimarca, Olanda e Gran Bretagna. Gordon Brown quando perse contro Cameron si presentò con un manifesto elettorale in cui era scritto molto chiaramente che non esisteva un diritto di immigrare nel Regno Unito.

Il centrosinistra italiano è arretrato su questo o forse semplicemente non può permettersi di assumere una posizione forte, perché a Roma c'è un Papa popolare, che il suo peso ce l'ha. Bisognerebbe ricordare d'altra parte però che la Chiesa Cattolica persegue degli interessi di carattere universale, mentre i politici del nostro Paese, come di qualsiasi altro, dovrebbero perseguire essenzialmente gli interessi del proprio Paese. Quindi ovviamente dovrebbero essere disponibili ad accettare la logica di un confronto scontro con chi sostiene dei principi universali, che possono però danneggiare noi tutti.

Correlati:

Emergenza immigrazione. 100mila sbarchi in un solo mese
Immigrazione, Ue: Juncker convoca meeting per la prossima settimana
Tags:
politica, Immigrazione illegale, Limes, Universita Luiss, Germano Dottori, UE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik