Widgets Magazine
21:11 18 Luglio 2019
Ban Ki Moon promette il sostegno di ONU nella vicenda dei due marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Marò, Italia all'attacco: Inaccettabili accuse dall'India

© AFP 2019 / VINCENZO PINTO
Italia
URL abbreviato
0 0 0

Seconda giornata all'Itlos di Amburgo, dove l'ambasciatore Azzarello sta rappresentando l'Italia sulla vicenda dei due fucilieri di Marina accusati in India di omicidio: Onorati tutti gli impegni.

Ripresi i lavori del Tribunale internazionale del mare di Amburgo, a cui l'Italia ha chiesto un giudizio che consenta ai due militari italiani di rientrare definitivamente in Italia, in attesa che l'India formalizzi le accuse contro di loro ed istruisca un processo.

La seconda giornata di udienza si è aperta con la controreplica da parte Italiana alle Osservazioni scritte fatte pervenire da New Delhi nella giornata di ieri. Ancora tensione in una vicenda che a distanza di 3 anni mantiene rovente l'asse delle relazioni diplomatiche Italia-India.

"L'Italia è rattristata dalla perdita delle vite di Valentine Jalestine e Ajeesh Pink e lo ha espresso in molte occasioni anche provvedendo alle necessità delle loro famiglie. I sentimenti dell'Italia per la morte dei due pescatori non possono quindi essere messi in discussione, ma l'India sfrutta questa situazione con l'unico scopo di creare un pregiudizio contro l'Italia davanti a questo Tribunale".

Così l'ambasciatore Francesco Azzarello in aula ad Amburgo questa mattina, in una durissima risposta alle accuse ricevute ieri, con particolare riferimento al passaggio delle Osservazioni indiane in cui si sostiene che l'Italia abbia mantenuto un atteggiamento discriminatorio verso i due pescatori innocenti, cercando di suscitare la compassione del tribunale e facendo passare per vittime i due militari italiani.    

Correlati:

Marò, India si oppone a richiesta arbitrato
Marò, la richiesta italiana per il rientro di Girone
Tags:
Caso marò, Tribunale internazionale del diritto del mare, Amburgo, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik