03:57 23 Luglio 2018
Procuratore della Crimea Natalia PoklonskayaAllora qui non c'è la guerra?Crimea

Il viaggio dei parlamentari italiani in Crimea passerà nel silenzio dei media

© Sputnik . Konstantin Mihalchevsky © Sputnik . Vitaly Podvitski © Sputnik . Mikhail Mokrushin
1 / 3
Italia
URL abbreviato
7205

Crimea e sanzioni contro la Russia. Qual'è la posizione dell'Italia e quali prospettive si preannunciano? Se ne è discusso oggi in una videoconferenza Roma-Mosca.

La visita dei deputati italiani in Crimea, annunciata la scorsa settimana, avverà nel silenzio dei media, ha detto un parlamentare di Forza Italia a Sputnik.

La settimana scorsa, il Movimento 5 Stelle ha confermato a Sputnik che manderà una "delegazione di pace" a Mosca e sulla penisola di Crimea ad ottobre.

 "Non c'è interesse ed i media italiani non sono interessati a questa iniziativa e non ne parleranno" ha detto Fabrizio Bertot, ex membro del parlamento europeo.

I residenti della Crimea hanno espresso la loro volontà di riunirsi alla Russia con un referendum nel marzo del 2014. Questa mossa è stata etichettata come "annessione" dalla maggior parte dei paesi occidentali.

I governi europei esercitano una certa pressione nei confronti dei parlamentari europei che vogliono visitare la regione, eppure l'interesse verso la Crimea è tornato a crescere anche grazie alla visita di dieci deputati francesi che hanno incontrato le autorità locali. Il ministero degli Esteri francesi ha condannato la visita dei deputati e li ha accusati di violare la legge internazionale.

La visita dei deputati italiani è prevista in autunno, insieme ad una delegazione del partito ungherese Jobbik.

Intanto l'economia italiana continua ad essere negativamente colpita dal botta e risposta a colpi di sanzioni fra Occidente e Russia, che ha causato un calo dell'export in Russia per le aziende italiane ed una diminuzione del potere d'acquisto russo connesso al rublo debole, con ricadute, ad esempio, sul settore turistico.

Lo spiega a Sputnik Fabrizio Bertot di Forza Italia:

"Il risultato al momento è passimo: abbiamo perso il 30% dell'export agroalimentare ed a causa dlla Guerra economica e finanziaria contro la Russia il turismo russo in Italia in questa stagione è notevolmente diminuito rispetto agli anni scorsi".

Perchè allora questa insistenza nel mantenere misure non solo ineffettive, ma controproducenti?

"Il problema è il futuro: quando le sanzioni saranno tolte, la Russia avrà già sviluppato i suoi sostituti per i nostri prodotti e non importerà più la nostra mozzarella".

Lo aveva fatto presente anche Putin a Renzi durante l'incontro all'Expo nel mese di giugno, dicendo che l'Italia, tradizionalmente partner della Russia in vari campi, aveva perso più di 1 miliardo di euro a causa delle controsanzioni.

Bertot infine rivela il vero motivo per cui l'Italia ha imposto le sanzioni contro la Russia, ormai un anno orsono:

"Il governo italiano sapeva che le sanzioni antirusse andavano contro la nostra economia, perchè l'export verso la Russia era molto importante, ma le hanno adottate lo stesso per far si che Federica Mogherini venisse nominata commissario europeo alla politica estera".

Allora la candidature della Mogherini era stata osteggiata dai paesi baltici e la presidentessa della Lituania Dalia Grybauskaite aveva detto che la posizione di commissario europeo alla sicurezza ed alla politica estera "doveva essere neutrale e non rispecchiare un punto di vista controverso sulla questione ucraina."

Federica Mogherini faccia a faccia con Vladimir Putin il 9 luglio 2014
© Sputnik . Mikhail Klimentev
Federica Mogherini faccia a faccia con Vladimir Putin il 9 luglio 2014

Il riferimento, allora, era andato alla visita di Federica Mogherini che come ministro degli esteri italiano era stata a Mosca nell'estate del 2014 promettendo che Roma avrebbe fatto del proprio meglio per trovare una soluzione politica accettabile alla crisi ucraina.

Dal 2014, USA, UE ed i rispettivi alleati hanno imposto diverse sanzioni nei confronti di Mosca, accusando la Russia di violare l'integrità territoriale dell'Ucraina. Le autorità di Mosca hanno fermamente respinto le accuse, dichiarando che le sanzioni sono controproducenti e vi hanno risposto introducendo un embargo dei prodotti alimentari provenienti dai paesi che hanno introdotto le sanzioni. La settimana scorsa Vladimir Putin aveva espresso la speranza che i paesi europei possano mostrare "maggiore indipendenza e sovranità decisionale".

Correlati:

Appello a Sputnik Italia: non solo Crimea, venite a visitare anche Lugansk
Parlamentari della Germania stanno valutanto una visita in Crimea
“Bufala di Kiev la formazione di un battaglione musulmano al confine con la Crimea”
Poroshenko parla di “autonomia” della Crimea
Tags:
Crimea, Visita, Visita in Crimea, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik