21:12 21 Ottobre 2017
Roma+ 18°C
Mosca+ 0°C
    Migranti su una delle tante carrette del mare in navigazione nel mare tra la Libia e l'Italia.

    Iniziativa privata da Brandenburgo ha salvato in mare 600 profughi

    © AFP 2017/ MAHMUD TURKIA
    Italia
    URL abbreviato
    123932

    Dall’inizio di luglio Ingo Vert fa la ronda nel Mediterraneo sul suo motoscafo Sea Watch e salva profughi. Un testimone sostiene: nei luoghi dove ce n’è più bisogno, le navi Triton e Frontex non ci sono.

    "Il 4 luglio siamo partiti per le acque libiche e in alcuni giorni abbiamo salvato 600 persone",

    racconta Vert nella sua intervista a Sputnik.

    "Interagiamo con successo con la guardia costiera italiana. Tre volte hanno ricevuto profughi portati da noi, in tutto 350 persone. Cooperiamo anche con "Medici senza frontiere", con MOAS, con una famiglia italo-americana che possede una base a Malta. È stata annunciata, ma in pratica manca, la cooperazione con le navi dell'operazione Triton. Queste imbarcazioni non si occupano di salvataggio di persone. Ricevute le informazioni che le navi Triton sono a 7 ore di navigazione, le ho apposta chiamato tramite i coordinatori a Roma, ma mi hanno risposto: "Nel suo quadrato non ci sono navi". In dieci giorni non abbiamo visto nessuna imbarcazione militare. Le abbiamo viste nella rada di un porto siciliano mentre vicino alle coste libiche delle persone perdevano la vita. Non ci hanno dato navi in aiuto nonostante le nostre richieste", dice Ingo Vert.

    "Qualsiasi vita salvata, anche solo una, giustifica tutta la missione. Fino ad ora abbiamo salvato dalle acque 587 persone, e nessuno di loro non è stato ferito, nessuno non è annegato".

    Però è un'iniziativa privata, e le sue tasche sono già vuote, si capisce. "Nel corso della missione abbiamo utilizzato attrezzature di salvataggio per 70-90 mila euro. Siamo stati costretti a usare zattere di salvataggio perché non c'erano navi vicino, e le barche dei profughi affondavano. Non abbiamo fondi perciò abbiamo un urgente bisogno di donazioni", confessa il capitano Vert.

    Dallo scorso novembre l'operazione Triton ha sostituito quella Mare nostrum. Se quest'ultima puntava al salvataggio di profughi affondanti, lo scopo di Triton è proteggere le frontiere europee.

    Correlati:

    UE, accordo al ribasso sulle quote migranti
    Migranti, Alfano: Via i prefetti che non reggono l'urto
    Tags:
    Migranti, salvataggio, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik