21:18 21 Ottobre 2017
Roma+ 18°C
Mosca+ 0°C
    tribunale

    Accolto ricorso De Luca: può governare

    © AP Photo/ Brennan Linsley
    Italia
    URL abbreviato
    16911

    Il caso del neoeletto governatore della Campania sbloccato dalla sentenza di un tribunale ordinario. Scatta la polemica da parte di Forza Italia: Severino legge ad personam, riabilitare Silvio Berlusconi.

    Accolto ieri dal Tribunale di Napoli il ricorso d'urgenza presentato dal neoeletto presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, sospeso subito dopo la proclamazione in forza della legge Severino.

    Adesso De Luca potrà convocare il primo Consiglio regionale e nominare il suo esecutivo regionale. L'attesa adesso è per la successiva decisione di merito, che spetta sempre al Tribunale ordinario di Napoli e non, come previsto in un primo momento dalla legge sull'incompatibilità per è sotto indagine della magistratura, da quello amministrativo.

    "Oggi si ripristina il rispetto della volontà popolare e si apre la fase del lavoro e dell'impegno amministrativo pieno".

    Così il governatore della Campania in un messaggio apparso ieri sul suo proprio Facebook, dove De Luca non ha mancato sottolineare i propositi della sua amministrazione.

    "Nei prossimi mesi sarà sempre più chiaro che la vecchia Campania dei luoghi comuni non esiste più. Arriverà presto, all'Italia intera, l'immagine di un'altra classe dirigente, fatta di dignità istituzionale, di concretezza operativa, di rigore spartano. Lavoreremo, a testa alta, per affrontare e risolvere i problemi e valorizzare in pieno le nostre potenzialità".

    Nel frattempo la decisione del Tribunale di Napoli non ha mancato di suscitare polemiche tra le file dell'opposizione. Gli azzurri infatti accusano il governo, reo di difendere una legge definita "contra personam" e, nel caso specifico, contro Silvio Berlusconi, nei confronti del quale si chiede ora la riabilitazione ed il rientro in Senato.

    In attesa della sentenza da parte della Consulta sulla costituzionalità della "Severino" però il governo pare intenzionato a non modificare in alcun modo la legge, pur con tutte le riserve sull'attuale disciplina manifestate persino dal presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone, che spinge per interventi che ne razionalizzino l'efficacia. 

    Correlati:

    De Luca denuncia la Bindi
    Tags:
    Legge, tribunale, Vincenzo De Luca, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik