15:40 16 Dicembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 4°C
    Mercato di frutta e legumi

    Federalimentare chiede lo stop delle sanzioni verso la Russia

    © Fotolia/ Aleksandar Mijatovic
    Italia
    URL abbreviato
    0 50

    Nel 2014 export alimentare made in Italy dimezzato, a causa dell’embargo imposto da Mosca in seguito alle sanzioni dell’UE.

    "Lo diciamo una volta per tutte, il mercato russo è strategico e insostituibile. E va recuperato a qualsiasi costo. Grazie all'Italia, l'agroalimentare può essere un ponte di rilancio".

    Così il presidente di Federalimentare, Luigi Scordamaglia, durante l'assemblea pubblica all'Expo.

    "L'auspicio — ha continuato — è che l'incontro di oggi tra il presidente Putin e il presidente del Consiglio Renzi, in un contesto così universale come l'Expo, possa riavviare il dialogo favorendo il ritorno delle eccellenze del food and beverage italiano sul mercato russo".

    Secondo Federalimentare, il protrarsi dell'embargo penalizza l'industria alimentare italiana in uno dei suoi sbocchi più strategici. I numeri mostrano un trend inequivocabile. Nel 2013 (ultimo anno prima dell'embargo), con una quota export di 562,4 milioni di euro, la Russia aveva consolidato l'11esimo posto tra gli sbocchi del ‘food & beverage' nazionale, coprendo il 2,2% dell'intero export alimentare nazionale e una variazione del +24,4% sul 2012, contro il +5,8% segnato in parallelo dall'export globale di settore. Nel 2014, invece, l'export dell'industria alimentare in Russia ha accusato un calo del —6,0% e nel primo bimestre del 2015 le esportazioni alimentari italiane si sono addirittura dimezzate (-46,3%). Colpiti soprattutto il comparto delle carni preparate (-83%) e il lattiero-caseario, che si è sostanzialmente azzerato (-97%).

    "Lavoriamo tutti per migliorare la situazione. Ci sono ancora dei punti delicati che dovranno essere affrontati". Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, replica così a Federalimentare, auspicando "che la situazione migliori e la presenza di Putin qui, rappresenti l'assoluto interesse per l'agroalimentare italiano indipendentemente dall'attuale contingenza russa".

    Correlati:

    Gli USA assicurano all'Ucraina nuove sanzioni contro la Russia "se necessario"
    Salvini: il nostro obiettivo è fare marcia indietro sulle sanzioni
    Merkel: sanzioni più dure se sarà di nuovo guerra nel Donbass
    Tags:
    Sanzioni, Expo 2015, Russia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik