19:51 16 Dicembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 5°C
    Palazzo Campidoglio Senatorio

    Mafia capitale: altri arresti e Campidoglio sotto assedio

    © Foto: Flickr
    Italia
    URL abbreviato
    0 0 0

    Altri mandati di arresto nell'ambito delle indagini della Procura di Roma sul sistema criminale che controllava gli appalti del Comune. Ieri Consiglio comunale sotto assedio: proteste e insulti, fuori dal Palazzo Senatorio contestazione degli attivisti M5S e Lega che chiedono le dimissioni della giunta.

    Anche la sala Giulio Cesare, sede delle assemblee del Consiglio comunale dell'amministrazione comunale di Roma, è stata restaurata grazie ad un appalto assegnato irregolarmente. Basterebbe questa notizia, emersa ieri dalle carte dell'inchiesta su Mafia capitale, per rendere plasticamente la dimensione dello scandalo che sta travolgendo la politica romana.

    Sl fronte delle indagini, le nuove misure di custodia cautelare riguarderebbero sei persone, coinvolte a vario titolo in truffe legate all'assegnazione di appalti pubblici. Nel caso della sala consiliare Giulio Cesare, l'imprenditore risultato poi vincitore della gara, avrebbe addirittura contattato e stipulato accordi con aziende subappaltantrici alcuni giorni prima dell'apertura delle buste contenenti le offerte.

    E mentre ieri venivano diffusi i nomi dei nuovi arresti legati, tra le altre cose. proprio ai lavori di restauro di una parte del Palazzo Senatorio, in quelle stanze si consumava una delle assemblee più calde degli ultimi anni. Dentro la contestazione dei consiglieri di opposizione al sindaco Marino e alla sua giunta; fuori centinaia di persone, da attivisti di M5S, Lega e persino Casa Pound a semplici cittadini. Due fronti caldi e una sola richiesta: dimissioni. 

    Correlati:

    Mafia Capitale, oggi i primi interrogatori
    Mafia Capitale, ondata di arresti tra i politici
    Trattativa Stato Mafia. Ordine di morte per il pm Nino Di Matteo mai revocato
    Tags:
    Mafia, Lega Nord, M5S, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik