04:19 16 Dicembre 2017
Roma+ 9°C
Mosca+ 2°C
    Presidente russo Vladimir Putin e Primo Ministro italiano Matteo Renzi a Milano

    I tre nodi chiave della visita di Putin in Italia

    © Fotobank.ru/Getty Images/ Sasha Mordovets
    Italia
    URL abbreviato
    Riccardo Pessarossi
    0 332

    Il 10 e 11 giugno il presidente russo Vladimir Putin sarà in Italia per una visita ufficiale di due giorni. Denso il programma del leader del Cremlino, che visiterà l'EXPO di Milano insieme a Renzi, poi incontrerà il presidente Matarella ed il Papa. Ecco i tre principali motivi d'interesse della visita di Putin in Italia.

    Giorno della Russia e incontro con Renzi: ad EXPO Putin apre il "G7" alternativo

    La visita di Putin all'Esposizione Universale di Milano coincide con il Giorno della Russia, che verrà celebrato in grande stile proprio al Padiglione russo, dove insieme a Putin sisterà agli spettacoli di danze popolari ed alla parata dei cosacchi anche il premier Renzi. Dopo l'atteso discorso ufficiale del presidente russo, i due poi si sposteranno al padiglione Italia, dove Vladimir Putin sarà il primo capo di stato straniero ospite. In questo modo l'Esposizione Universale si pone come piattaforma di dialogo istituzionale, in grado di scavalcare gli steccati di una certa diplomazia internazionale.  Se al recente G7 spiccavano le assenze di Cina e Russia, all'EXPO è l'esatto contrario: due giorni prima di Putin, l'8 giugno, è arrivato il vicepremier cinese Wang Yang, mentre dopo arriveranno tutti gli altri: il 17 giugno David Cameron, il 18 la cancelliera Angela Merkel, il 22 il presidente francese François Hollande e probabilmente anche Obama, ma Michelle, attesa in Italia la settimana dal 15 al 21 giugno.

    Il padiglione russo ad EXPO.
    © Sputnik. Vitaliy Belousov
    Il padiglione russo ad EXPO.

    A Roma Mattarella, il Papa e (forse) Berlusconi

    Dopo la giornata milanese Vladimir Putin si recherà a Roma, dove incontrerà il presidente della Repubblica Sergio Matarella ed in udienza privata verrà ricevuto da Papa Francesco.  Per Vladimir Putin quello con Mattarella sarà il primo incontro ufficiale, mentre Papa Francesco è il terzo pontefice  che incontra Putin, dopo Giovanni Paolo II (2000 e 2003) e Benedetto XVI (2007). Putin e Francesco si erano già incontrati nel novembre del 2013, quando il Papa aveva sottolineato il ruolo russo nella difesa dei cristiani in Medio Oriente, soprattutto in Siria. C'è  molto interesse riguardo all'udienza che Papa Francesco concederà a Putin, soprattutto in merito alla posizione neutrale del Vaticano sulla crisi in Ucraina e sui rapporti con la Chiesa Ortodossa. Chissà se verrà formulato al Papa un invito a visitare la Russia, magari nel biennio 2016/17, quando, come riporta ADN Kronos, è prevista l'esposizione a Mosca, San Pietroburgo e Roma della mostra "Scene bibiliche dai musei della Russia e del Vaticano". 

    Putin e Papa Francesco
    Putin e Papa Francesco

    A conclusione della sua "Giornata Romana" Vladimir Putin dovrebbe incontrare l'amico Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli: lo staff del Cremlino e al lavoro con l'entourage del Cavaliere per trovare posto per questo incontro nella fitta agenda del presidente russo, che alla vigilia, a chi gli ha fatto notare di essere l'unico amico sia di Berlusconi che di Prodi, ha risposto sottolineando il carattere "apartitico" a guida delle relazioni tra Russia e Italia, per cui la di fronte ad una leadership italiana ben disposta nei confronti della Russia, non è stato difficile entrare in sintonia con entrambi.

    Gas e Sanzioni

    La visita di Putin in Italia è stata preparata dall'incontro tra i ministri degli Esteri Gentiloni e Lavrov il 1° giugno a Mosca e reca un importante carattere economico. Proprio Gentiloni, a Mosca, ha incontrato la comunità degli imprenditori italiani ed è auspicabile che abbia portato le loro istanze a Renzi. Il 25 giugno l'Unione Europea dovrà discutere della proroga alle sanzioni nei confronti della Russia, da cui dipendono le sorti dell'embargo alimentare russo sui prodotti alimentari UE che è costato e costa caro ai produttori italiani. Oltre all'alimentare, a cui non a caso è dedicato il tema di EXPO, l'altro settore forte nell'interscambio russo-italiano è quello energetico. La visita di Putin in Italia precede, non a caso, l'incontro con il presidente turco Erdogan, a Baku. Sul tavolo il gasdotto Turkish Stream, che sostituisce il South Stream accantonato dopo le tensioni tra UE e Gazprom, ed alla cui realizzazione partecipa Saipem, società controllata di ENI. I lavori dovrebbero iniziare già entro questo mese di giugno, e proprio alla vigilia della visita di Putin, l'amministratore delegato di Eni Descalzi ha sottolineato l'importanza del rapporto privilegiato con la Russia a garanzia della sicurezza energetica europea.

    Correlati:

    Domani la visita di Putin in Italia
    Milano, manifestazione ucraina alla vigilia della visita di Putin
    Scalea: "Visita di Putin ha un valore importante"
    Putin e Erdogan si vedranno in Azerbaigian
    Gentiloni. L’italia proseguirà il dialogo con Putin
    Portavoce di Putin: notizie che non contribuiscono alla fiducia
    Putin su crisi Ucraina e rapporti con Occidente: problemi e soluzioni
    Tags:
    visita, Papa Francesco, Sergio Mattarella, Vladimir Putin, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik