15:18 25 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Maxi operazione contro clan della ndrangheta su un presunto giro di scommesse sul calcio. L'accusa: truccate centinaia di partite di Lega Pro e Serie D.

E' scattata alle prime luci dell'alba di oggi l'operazione condotta dalla squadra mobile di Roma che ha portato all'arresto di 50 persone, indagate a vario titolo nell'inchiesta Dirty Soccer. Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, sono concentrate sul presunto giro di scommesse che ruoterebbe attorno ad una serie di partite "truccate" nei campionati minori di Lega Pro e persino serie D.

Dopo le inchieste che negli scorsi anni avevano colpito il mondo della serie A, con scudetti ritirati e retrocessioni eccellenti, e l'ondata di scommesse illegali che avevano più recentemente interessato giocatori e allenatori molto popolari, questa volta il contesto è quello del calcio di provincia. Piccole realtà sotto il profilo agonistico sportivo, ma molto spesso movimenti in grado di dare visibilità e popolarità a intere zone del paese, lontane dai riflettori dello sport "che conta".

Fra le persone coinvolte nelle indagini dirigenti giocatori e allenatori di almeno 20 squadre appartenenti alle categorie di Lega Pro e serie D, ma anche personaggi della criminalità organizzata italiana e straniera. L'accusa è quella di avere creato un vero e proprio sistema in grado di raccogliere profitti dal mercato delle scommesse sportive, alterando l'andamento delle partite. Secondo le prime indiscrezioni dalle intercettazioni emergerebbe un quadro desolante che inchioderebbe gli indagati a chiare ed evidenti responsabilità. 

Correlati:

Italia, maxi inchiesta su corruzione
Tags:
Calcio, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook