23:23 17 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 20°C
    Roberta Pinotti

    Nuovo Libro Bianco della difesa italiana sposta l’attenzione sul Mediterraneo

    © AFP 2017/ Armend Nimani
    Italia
    URL abbreviato
    0 59028

    E dimentica il taglio agli F35.Il Consiglio supremo di Difesa ha approvato il nuovo Libro Bianco della difesa. Si tratta del nuovo documento della politica militare italiana per i prossimi 15 anni.

    Dopo un anno di lavori, durante il quale sono stati ascoltati i rappresentanti delle forze armate, le industrie del settore difesa, accademici ed esperti di relazioni internazionali, l'attenzione principale dell'Italia si sposta verso il Mediterraneo. Il Libro Bianco indica come "area di prioritario interesse nazionale" quella Euromediterranea, prefigurando la capacità di compiere operazioni "full spectrum" (dagli interventi umanitari agli interventi di stabilizzazione fino a offensive vere e proprie) con l'ambizione di assumere la leadership militare nella regione, senza però rinunciare agli impegni già sottoscritti per aumentare in prospettiva la propria quota di spesa militare.

    E' prevista anche una legge pluriennale per gli investimenti nel settore degli armamenti per dare certezza alle aziende nei prossimi sei anni.

    Il documento non contiene cifre, ma indicazioni di politica militare, che saranno poi tradotte nei prossimi mesi prima in un "business plan" e poi in strumenti di legge.

    Manca anche la risposta sul destino degli F35, come d'altronde aveva chiesto la camera dei deputati con un ordine del giorno approvato durante l'ultima legge di stabilità e come aveva affermato lo stesso ministro Roberta Pinotti nell'audizione al Senato del 2 ottobre del 2014.

    E così sugli F35 si levano gli scudi delle minoranze parlamentari. Il capogruppo di Sel Arturo Scotto afferma che "il ministro della Difesa Pinotti non è adeguata al ruolo che svolge e chiediamo che rapidamente avvenga un cambio. Altrimenti si renderà necessaria la richiesta di dimissioni con una mozione in Parlamento".  

    I deputati M5S della Commissione Difesa scrivono sul sito web del gruppo parlamentare: "L'inadeguatezza del ministro Pinotti, il M5S l'ha sempre sottolineata. Prima l'annuncio di voler inviare al massacro 5mila nostri militari in Libia, poi le bugie sul dimezzamento degli F35, infine la farsa del libro bianco, bianco nel vero senso della parola, vale a dire carta straccia, almeno secondo quanto emerso da indiscrezioni di stampa, visto che in commissione non è ancora arrivato. Ebbene, per il 'generale' Pinotti il tempo delle chiacchiere è finito. Dalle parole passiamo ai fatti e mandiamola a casa".

    Il ministro risponde che l'Italia "è stata scelta quale polo di manutenzione dei velivoli F35 schierati in Europa, sia di quelli acquistati dai paesi europei sia di quelli statunitensi operanti in Europa. La decisione americana di utilizzare la base dell'Aeronautica di Cameri come unica sede europea per assicurare il supporto del velivolo F-35 è di grande rilevanza per il nostro paese e consentirà di valorizzare gli investimenti già effettuati per la 'Faco' di Cameri in infrastrutture e in equipaggiamenti industriali e porterà al concretizzarsi di notevoli ricadute per l'Italia. Riguardo al Libro Bianco della Difesa, in base alle cui risultanze verrà ridefinito l'originario programma F35, questo sarà presentato a breve al presidente della Repubblica, per poi essere trasmesso alle camere".

    Tags:
    F35, Roberta Pinotti, Mediterraneo, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik