01:49 21 Settembre 2017
Roma+ 11°C
Mosca+ 8°C
    Dura reazione del mondo cattolico che ha bollato la nuova legge come “l'ennesimo attacco alla famiglia e ai figli, sempre meno tutelati e vittime dell'irresponsabilità”.

    Italia, il “divorzio breve” è legge

    © AP Photo/ Juan Carlos Llorca
    Italia
    URL abbreviato
    0 14732

    Il sì definitivo della Camera alla legge che consentirà alle coppie separate di ottenere la sentenza di divorzio in tempi più rapidi, da 6 mesi ad 1 anno. Le critiche della stampa cattolica.

    Dopo dieci anni di dibattito parlamentare l'Italia ha varato la legge sul cosiddetto "divorzio breve". L'aula di Montecitorio, con 398 sì, solo 28 no e 6 astenuti ha così dato via libera alla nuova disciplina. A favore PD, Sel, Movimento 5 Stelle, Scelta Civica e Alternativa Libera. Hanno votato sì anche le opposizioni di Forza Italia e Area Popolare, lasciando però ai deputati la cosiddetta libertà di coscienza, vista la natura della materia.

    La nuova legge prevede, dal momento della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, tempi molto più rapidi per le coppie separate che vogliano sancire definitivamente lo scioglimento degli effetti civili del matrimonio contratto. Il tempo necessario per chiedere il divorzio oggi scende ad 1 anno (rispetto ai 3 precedentemente previsti dalla legge) se la fine del matrimonio è "giudiziale", ossia davanti ad un giudice. Per le coppie separate che invece divorzino "consensualmente", allora i tempi di attesa scendono a 6 mesi.

    Dura reazione da parte del mondo cattolico che ha bollato la nuova legge come "l'ennesimo attacco alla famiglia e ai figli, sempre meno tutelati e vittime dell'irresponsabilità". E' questo uno dei passaggi di un editoriale apparso oggi sulle pagine di Famiglia Cristiana, popolare pubblicazione cattolica italiana. "Tre anni — si legge con riferimento alla precedente disciplina — è un tempo che diversi esperti, psicologi e mediatori familiari, considerano necessario per consentire alla coppia quantomeno di riflettere sulla propria decisione. Soprattutto se ci sono di mezzo i figli".

    Correlati:

    Papa Francesco, due anni di pontificato
    Tags:
    divorzio, legge, Camera, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik