22:43 22 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 24°C
    In Europa è allarme ISIS: terroristi sbarcano insieme agli immigrati.

    Alfano: Mandato internazionale per affondare i barconi

    © AFP 2017/ Alberto Pizzoli
    Italia
    URL abbreviato
    0 83 0 0

    Il ministro degli Interni italiano sui dialoghi in corso con ONU e UE su interventi mirati contro gli scafisti. Pinotti: Le forze armate sono pronte, vogliamo fare la nostra parte. Le perplessità di Laura Boldrini: Libia frammentata, chi è il referente politico?

    Il ministro degli Interni italiano Angelino Alfano ha dichiarato che l'Italia ha in corso negoziati con l'Unione Europea e le Nazioni Unite, per un mandato che le consenta, in un quadro di legalità internazionale, di affondare i barconi dei trafficanti con operazioni mirate. Questa è una delle anticipazioni filtrate alla stampa sull'intervista che andrà in onda questa sera nel talk politico di Giovanni Floris "Di martedì".

    Il ministro ha ribadito una convinzione che aveva già espresso in altre occasioni, e che ieri ha trovato tra gli altri l'appoggio del premier Renzi, sottolineando ancora una volta che "da soli non lo possiamo fare, sarebbe una dichiarazione di stato di guerra, serve un'autorizzazione internazionale".

    Anche il ministro della Difesa Pinotti, ospite questa volta di Bruno Vespa a Porta a Porta, ha rassicurato sulla massima disponibilità da parte della Marina italiana a prendere parte alle operazioni, auspicando una decisione in tal senso per il Consiglio d'Europa straordinario di domani a Bruxelles. "Sono stati apportati una serie di piani relativi a scenari diversi" ha commentato il ministro rispondendo a domande su quali reparti sarebbero impegnati.

    Perplessità invece quelle espresse da Laura Boldrini, in passato portavoce per Alto commissariato per i rifugiati dell'ONU. La presidente della Camera ha invitato ad un'analisi più attenta dei possibili scenari, ammonendo sulla complicata situazione della sponda sud del Mediterraneo. "La Libia è in una situazione frammentata — ha detto Boldrini — non si capisce quale sia l'autorità referente". La convinzione della presidente della Camera è che un'operazione come quella ipotizzata in queste ore richiederebbe l'accordo ed il coordinamento con le autorità locali per l'individuazione delle imbarcazioni da distruggere, circostanza questa resa complicata dalla guerra civile in corso in Libia.

    Correlati:

    Tragedia nel Canale di Sicilia: 900 vittime
    Immigrazione, UE in Africa per fermare i flussi
    Tags:
    Aiuti, negoziati, ONU, Il Ministro della Difesa, Il Ministro degli Interni Angelino Alfano, UE, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik