04:49 22 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 9°C
    Le prime pagine di stampa italiana

    Le prime pagine italiane del 21 aprile

    © Fotolia/ Ingo Bartussek
    Italia
    URL abbreviato
    0 52 0 0

    Aperture tutte dedicate ancora alla tragedia del Canale di Sicilia con le prime testimonianze dei sopravvissuti. Spazio poi al dibattito politico sull'emergenza sbarchi, già arrivato nelle sedi europee.

    Guadagna la prima pagina anche la discussa "sostituzione" dei parlamentari della minoranza PD in commissione Affari Costituzionali alla vigilia dell'approvazione della legge elettorale.

    "Aggrappati ai morti per salvarci". Apre con le terribili parole di uno dei sopravvissuti, La Stampa. Il quotidiano torinese mette in fila le reazioni politiche nell'occhiello della notizia: "Renzi, interventi mirati contro i trafficanti; Giovedì vertice UE; Francia e Germania, aiutiamo l'Italia; Mattarella, Serve più Europa".

    Primi rilievi investigativi su Il Corriere della Sera che apre con "Scafisti, boss in Italia con il permesso", dando notizia dello status di uno dei fermati nell'operazione Glauco 2 della Procura di Palermo. In taglio basso poi troviamo la politica interna, con "Renzi sostituisce i dissidenti PD".

    "L'Europa: guerra agli schiavisti". Sceglie la presa di posizione dell'UE LA Repubblica, che illustra in prima pagina il piano in dieci punti varato nella giornata di ieri da Bruxelles.

    Anche il quotidiano economico Il Sole 24 Ore dedica l'apertura alla tragedia del Mediterraneo, anche qui con un focus sulle decisioni assunte ieri dalla UE: "più mezzi e controlli per gestire l'emergenza".

    Per il cattolico Avvenire, dopo "Un mare di morti, la Ue si muove".

    Sulle diverse posizioni politiche a proposito di soluzioni da assumere troviamo Il Fatto Quotidiano, che apre con il botta e risposta "Renzi: spariamo, Prodi sbagliato. I giudici: Triton non funziona".

    Correlati:

    Emergenza sbarchi, sgominata rete di trafficanti
    Tags:
    Matteo Renzi, Mar mediterraneo, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik