08:18 25 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    Bandiera italiana, il Vittoriano

    G8 Genova, Pansa: Mai più un'altra Diaz

    © Foto: Ed Yourdon
    Italia
    URL abbreviato
    0 7211

    L'agente responsabili delle frasi ingiuriose su Facebook sospeso dal servizio. Un altro dirigente verrà rimosso dall'incarico per avere messo un like di approvazione. Il capo della polizia: La polizia è cambiata.

    Il capo della polizia italiana, Alessandro Pansa ha comunicato ieri ai cronisti che l'agente Fabio Tortosa sarà raggiunto questa mattina da un provvedimento di sospensione. Contestualmente a questa notizia, Pansa ha comunicato di avere attivato le procedure per la rimozione dall'incarico del capo della Squadra Mobile di Cagliari, Antonio Adornato, reo di avere messo un like, il cosiddetto segno di approvazione, del post incriminato.

    Nel messaggio, Tortosa aveva detto di essere pronto a rientrare alla scuola Diaz, teatro di un vero massacro da parte di molti agenti di polizia nel 2001, "mille e mille volte". A nulla sono valse le sue spiegazioni e le scuse, che in queste ore sono state reiterate dall'uomo, anche all'indirizzo di Giuliano Giuliani, padre di quel Carlo Giuliani morto negli scontri con le forze dell'ordine nel 2001.

    Proprio il padre del ragazzo, deceduto a piazza Alimonda il 20 luglio di quell'anno, ha scritto ieri al presidente della Repubblica per chiedere le sue scuse ufficiali a nome dello Stato.

    Di oggi le parole del capo della polizia Pansa, che in una lunga lettera inviata al quotidiano La Repubblica è tornato sulla vicenda, ribadendo la ferma volontà di non volere sminuire in alcun modo la vicenda. "Errori e inadeguatezze dei singoli sono purtroppo sempre possibili — ha detto Pansa al quotidiano difendendo il ruolo della polizia e proseguendo — è un organismo sano, formato da donne e uomini che hanno collocato il rispetto della democrazia e delle leggi in cima alla lista dei valori in nome dei quali ogni giorno mettono in gioco la loro intelligenza e la loro incolumità". Poi la ferma rassicurazione che episodi di violenza come quelli del 2001 non potranno mai più ripetersi.

    "Non ci sarà mai più un'altra Diaz, non potrà più esserci. Io me ne faccio garante — ha sottolineato Pansa — non solo perchè la polizia è cambiata ma perchè lo devo ai miei stessi poliziotti affinchè vengano adeguatamente rappresentati i loro valori di onore, lealtà e fedeltà alle leggi e alla Costituzione".

    Correlati:

    Diaz, poliziotto italiano: “Lo rifarei”. Scoppia la polemica
    Italia introduce il reato di tortura
    Tags:
    G8, Alessandro Pansa, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik