23:27 17 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 20°C
    Papa Francesco

    Hacker turchi contro il Vaticano

    © AP Photo/ L'Osservatore Romano, Pool
    Italia
    URL abbreviato
    0 18003

    Dopo le parole di Francesco sul genocidio armeno, non si placano le proteste. Attaccato da un gruppo hacker turco il sito web istituzionale del Vaticano. Durissimo Erdogan: Il Papa non faccia più quell'errore.

    Alla dure prese di posizione dei vertici istituzionali di Ankara, che in questi giorni stanno usando toni durissimi all'indirizzo di Papa Francesco, si aggiunge oggi la notizia  di un attacco hacker che ha colpito il sito web del Vaticano.

    "Le azioni di disturbo contro il sito continueranno fin quando Papa Francesco non chiederà scusa ufficialmente"

    E' quanto si legge nel comunicato apparso per qualche ora sulle pagine web vaticane, secondo quanto riferito dalla testata specializzata Techworm, che questa mattina ha contestualmente fatto sapere che il sito dopo qualche ora di inaccessibilità, è tornato online e disponibile. Successivamente la stampa armena ha fatto sapere che l'attacco è stato rivendicato dal gruppo hacker turco @THTHeracles, che fa riferimento all'organizzazione Tusk Hack Team.

    Ieri intanto è proseguita la protesta ufficiale da parte di Ankara, che dopo le parole del Gran Mufti di ieri, ha registrato la durissima reazione del presidente Recep Erdogan.

    "Condanno il Papa e desidero avvertirlo: spero che non commetta di nuovo un errore di questo tipo"

    Questo uno dei passaggi della fortissima presa di posizione di Erdogan che ha aggiunto di essere pronto ad un confronto con la comunità armena, dicendosi però indisponibile ad accettare ulteriori valutazioni sull'argomento, senza una loro valutazione storica adeguata. "Voglio sottolineare che non permetteremo che i fatti storici vengano estrapolati da un contesto e trasformati in una campagna contro il nostro Paese" ha detto il presidente turco, impegnato in una difficile campagna elettorale. A quanti hanno fatto notare come già un anno fa lui stesso aveva espresso le condoglianze al popolo armeno, circostanza definita come un segnale di disgelo dagli analisti, Erdogan ha replicato con un mezzo passo indietro, puntualizzando che all'epoca disse che "mentre molti armeni morirono nel nostro Paese, molti ottomani furono uccisi altrove, anche per mano degli armeni".

    Correlati:

    Papa Francesco ricorda Carol Woityla a dieci anni dalla sua scomparsa
    Papa Francesco, due anni di pontificato
    Tags:
    armeni, genocidio, Recep Erdogan, Papa Francesco, Vaticano, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik