09:21 29 Aprile 2017
    Le vittime di un naufragio salvati dalla Guardia Costiera italiana.

    Sbarchi, 400 morti in naufragio nel Mediterraneo

    © AP Photo/ Francesco Malavolta
    Italia
    URL abbreviato
    0 94 0 0

    La testimonianza dei reduci arrivati ieri sulle coste calabresi. Il sostegno della UE: Italia sotto pressione.

    Sarebbero 400 le vittime di un naufragio avvenuto a 80 miglia dalle coste libiche nella notte tra lunedì e martedì scorso. A riferirlo i migranti tratti in salvo e sbarcati sulla nave Orione nella giornata di ieri al porto di Reggio Calabria. Sarebbero state oltre mille, quasi tutti di provenienza subsahariana, le persone partite dalle coste africane, ma solo 670 hanno raggiunto ieri l'Italia. Secondo quanto riferito dai superstiti, dopo 1 giorno di navigazione la carretta del mare che trasportava i migranti si è rovesciata, prima di essere intercettata dalla Guardia Costiera italiana che è riuscita a trarli in salvo. Tra le vittime ci sarebbero molte donne e bambini, come riferito dall'organizzazione umanitaria Save The Children. Solo in questi ultimi 4 giorni hanno raggiunto le coste italiane quasi 9mila le persone, di cui 500 bambini, di cui moltissimi non accompagnati.

    Centro di immigrazione a Lampedusa. 19 febbraio 2015.
    © REUTERS/ Alessandro Bianchi
    Centro di immigrazione a Lampedusa. 19 febbraio 2015.

    Ieri le parole di sostegno del commissario UE all'Immigrazione, Dimitris Avramopoulos, che intervenendo ad un dibattito in sede di parlamento europeo sulla crisi del Mediterraneo, ha annunciato la visita in Sicilia per la prossima settimana. Il commissario, che visiterà i centri di prima accoglienza dell'isola e incontrerà il ministro dell'Interno Angelino Alfano, ha parlato di Italia "sotto pressione", confermando il sostegno dell'Europa.

    "Gli Stati hanno già avuto fondi europei per affrontare l'emergenza immigrazione e siamo pronti a stanziarne altri, ma non si tratta solo di questo, quanto anche di mettere a punto una strategia a lungo termine"

    Avramopoulos ha ribadito che la Commissione è al lavoro sull'agenda per l'immigrazione, uno strumento che regoli senza incertezze nuovi standard per la politica europea sul tema, che verrà presentata a fine maggio. "Finora l'approccio al problema è stato frammentario — ha detto il commissario greco — vogliamo sia comune e completo".

    Correlati:

    Immigrazione, 10 morti nel Canale di Sicilia
    Tags:
    Migranti, naufragio, Save The Children, Comissario UE all`Immigrazione, Sicilia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik