12:46 22 Luglio 2017
Roma+ 30°C
Mosca+ 19°C
    Lavoro, banche, educazione, fiscalità, pubblica amministrazione e competitività. Sono sei gli ambiti in cui l'Italia deve fare di più, pur essendo “sulla buona strada”.

    Jobs Act, in Italia +80mila assunzioni in due mesi

    © AP Photo/ Luca Bruno
    Italia
    URL abbreviato
    0 28908

    I dati diffusi dal ministro del Lavoro Poletti. Renzi: E' il segnale che l'Italia riparte.

    Quasi 80mila nuovi contratti a tempo indeterminato sono stati siglati in Italia nei primi due mesi del 2015. A riferirlo è stato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, intervenendo ad un evento sulla formazione giovanile organizzato dalla Regione Lazio.

    I dati già anticipati da un soddisfatto tweet del premier Matteo Renzi, mostrano infatti un aumento delle assunzioni, rispetto allo stesso periodo dell'anno prima, del 35% passando dai 224mila dei primi due mesi del 2014 ai 303mila di quest'anno.

    Numeri che sembrano incoraggianti se si considera che ancora non si sono dispiegati gli effetti del nuovo contratto a tutele progressive. Non sarebbe infatti il Jobs Act il motore di questa crescita esponenziale delle assunzioni: la nuova legge è entrata in vigore solo a marzo e, come spiegato dallo stesso Poletti, gli 80mila nuovi contratti sono frutto del primo dei due volani previsti dal Ministero del Lavoro italiano, ossia la defiscalizzazione per nuove assunzioni inserita nell'ultima legge di stabilità. 

    "E' un giorno importante — aveva scritto in mattinata Matteo Renzi sul suo profilo Twitter — sono davvero sorprendenti, mostrano una crescita a doppia cifra. E' il segnale che l'Italia riparte".

    In attesa dei veri effetti del Jobs Act intanto, è stata l'Associazione nazionale dei consulenti del lavoro a rendere noto che quasi il 90% delle assunzioni di questi primi due mesi son frutto di stabilizzazione di precari e partite IVA, e non già contratti lavorativi ex novo. Immediata la reazione di Poletti, che ha parlato di dati comunque "significativi" che vanno nella direzione voluta della stabilizzazione dei lavoratori.

    Correlati:

    Fondi UE, l'Italia deve spendere 7 miliardi entro dicembre
    Italia, pensioni in anticipo ma più leggere
    Tags:
    contratti, Jobs Act, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik