01:40 15 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 1°C
    Matteo Salvini in Piazza Rossa

    Lega, resa dei conti Salvini-Tosi

    © Foto: Stefano Cavicchi/Corriere della Sera
    Italia
    URL abbreviato
    0 20

    Il segretario della Lega Matteo Salvini annuncia: Flavio Tosi è fuori dal partito. Il sindaco di Verona attacca: Caino travestito da Abele.

    In vista delle elezioni regionali del prossimo maggio, si sta consumando in Veneto lo scontro tra il segretario della Lega Matteo Salvini e Flavio Tosi. Dopo settimane di accuse, di ieri la presa di posizione ufficiale del segretario, che ha annunciato sulla sua pagina Facebook la decadenza da iscritto al partito del sindaco di Verona Tosi.

    "Dispiace — si legge sulla pagina social del segretario — che da settimane Flavio Tosi abbia scelto di mettere in difficoltà la Lega e il governatore di una delle regioni più efficienti d'Europa. Ho provato mediazioni di ogni tipo, ma purtroppo, ricevendo solo dei no, sono costretto a prendere atto delle decisioni di Tosi e quindi della sua decadenza da militante e da segretario della Liga Veneta — Lega Nord".

    Matteo Salvini
    © Sputnik. Taras Litvinenko

    La questione è nota da mesi: Tosi, in contrapposizione rispetto all'attuale governatore leghista del Veneto, il ri-candidato Luca Zaia, è da sempre un sostenitore convinto delle primarie come metodo per scegliere il candidato che il partito avrebbe dovuto esprimere per la regione. La sue richiesta, reiterata in questi ultimi mesi con l'avvicinarsi della scadenza elettorale, ha mandato in tilt la Lega in una delle regioni in cui da sempre raccoglie maggiori consensi. Non si è fatta attendere la risposta del sindaco di Verona, che ha usato toni durissimi in replica alla decisione assunta dal segretario. "Salvini mente sapendo di mentire — ha tuonato Tosi — Mai avrei pensato di vedere in Lega il peggio della peggior politica. Un Caino che si traveste da Abele".

    Sgomberato il campo leghista dai dubbi sul candidato, ora l'attenzione dei cronisti è rivolta al voto, previsto per il mese di maggio. E una possibile candidatura indipendente di Tosi alla regione Veneto, ipotesi che circola da giorni con sempre maggiore insistenza, rischia di vanificare la corsa dello stesso Zaia, che rischierebbe di perdere voti nei confronti di Alessandra Moretti, candidata per il Partito Democratico.

     

     

    Tags:
    Politica Italiana, Matteo Salvini
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik