08:46 24 Luglio 2017
Roma+ 30°C
Mosca+ 13°C
    martello giustizia

    Giustizia: UE boccia ancora l'Italia

    © Sputnik. Andrei Starostin
    Italia
    URL abbreviato
    0 11610

    Il rapporto UE sulla giustizia: durata record dei processi civili italiani, 608 giorni. Peggio dell'Italia solo Cipro e Malta.

    Italia ancora una volta maglia nera nell'amministrazione della giustizia tra i paesi UE. A rilevarlo, ancora una volta, la Commissione Europea, che ieri ha diffuso i dati relativi al biennio 2013-14.  Secondo lo scoreboard presentato dalla Commissaria per la Giustizia UE Vera Jourova, la situazione italiana è preoccupante. "La lunghezza dei processi danneggia l'economia — ha dichiarato Jourova — è un principio del diritto romano quello che 'una giustizia ritardata è una giustizia negata'. Il nostro strumento per intervenire sono le raccomandazioni specifiche per paese — ha concluso la commissaria — non saremo aggressivi".

    Nello specifico dei dati presentati ieri sull'amministrazione della giustizia in Europa, a livello internazionale l'Italia è sestultima, in peggioramento rispetto all'ultima rilevazione. Il dato più allarmante è quello relativo alla durata dei processi, in particolar modo quelli civili e commerciali, per la cui conclusione bisogna attendere in media quasi due anni, ossia 608 giorni. Dietro l'Italia in questa speciale classifica, troviamo soltanto i piccoli Cipro e Malta. Tra i paesi più virtuosi in tema di durata dei processi si confermano ancora una volta Francia con 302 giorni, Germania con 192 e Austria con 135 giorni.

    Si è poi rilevato il progressivo peggioramento del dato relativo alla durata dei processi, nonostante le continue raccomandazioni degli ultimi anni: dai 493 giorni stimati in media nel 2010, si è passati ai 590 del 2012, fino al dato diffuso ieri. Nella nota dell'esecutivo Ue che accompagna i numeri del rapporto, si legge che proprio la lentezza della giustizia commerciale rappresenta uno dei punti di fragilità dell'economia italiana, rendendo noto che le conclusioni sul rapporto giustizia faranno parte integrante delle raccomandazioni che verranno presentate all'Italia nel prossimo semestre europeo.

     

     

    Correlati:

    L`Italia e l`arte di non pagare i propri sbagli
    Conti pubblici, L'Italia evita la procedura di infrazione UE
    Tags:
    Commissione Europea, UE, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik