14:40 20 Luglio 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 21°C
    In Italia si propone la riforma del sistema pensionistico

    Italia, pensioni in anticipo ma più leggere

    © AP Photo/ Rumle Skafte
    Italia
    URL abbreviato
    0 46205

    Il progetto di riforma dell'INPS, descritto dal neopresidente dell'ente previdenziale Tito Boeri: reddito minimo per contrastare la povertà.

    In una lunga intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, il presidente dell'INPS, Tito Boeri, traccia il percorso che l'ente per la previdenza sociale è chiamato ad affrontare per riformare la governance dell'istituto e rendere più efficiente e trasparente il sistema pensionistico italiano. Boeri, economista e già professore all'università Bocconi di Milano, descrive oggi per la prima volta dal suo insediamento il suo progetto di riforma. Molti gli argomenti toccati nel corso dell'intervista, ma a guadagnare i titoli sul quotidiano di via Solferino, e successivamente sui principali portali web italiani, sono essenzialmente due: reddito minimo garantito e pensioni anticipate. Ovvero due dei punti su cui tradizionalmente si infiamma il dibattito politico italiano, quando si parla di pensioni.

    In merito al primo punto, ossia il contributo universale di sostegno alla povertà, il professore ha sottolineato che è una misura che sarebbe finanziata dalla fiscalità generale. Per trovare i fondi però è necessario un ripensamento di tutte quelle che sono le spese assistenziali: "Bisognerebbe spendere meglio le risorse pubbliche — ha affermato Boeri — per affrontare l'aumento della povertà che ha colpito di più le fasce d'età prima del pensionamento".

    Diverso invece il discorso relativo alla flessibilità invocata da Boeri in tema di pensionamento anticipato. Il professore su questo punto è stato chiaro, ammettendo l'oggettiva difficoltà di intervenire sulla materia per via dei vincoli di bilancio imposti dalla Commissione Europea. "Purtroppo — ha spiegato Boeri — i conti pubblici vengono considerati (dalla Commissione europea) nella loro dimensione annuale anziché sul medio-lungo periodo". Così facendo, limitandosi cioè a considerare i bilanci degli Stati membri ogni anno, l'Europa non consentirebbe quello che sarebbe nei primi anni un esborso maggiore, ma destinato a riassorbirsi per via delle minori uscite nel medio periodo.

    Ultimo, ma non per importanza, tra gli argomenti toccati da Boeri è un cavallo di battaglia del professore, dai tempi della sua attività di commentatore economico e docente universitario, ossia la trasparenza. Già nel suo saluto ai dipendenti della struttura al momento del suo insediamento, Boeri aveva sottolineato come l'INPS sarebbe dovuto diventare un "salvadanaio di vetro" in cui il singolo cittadino potrà vedere e controllare quanto frutterà quello che sta versando all'ente. L'operazione "La mia pensione" sarà importante, secondo il Presidente, per "far capire a tutti che queste somme sono accantonamenti che si accumulano mese dopo mese, e non sono invece una tassa".

    Correlati:

    Italia: non vi saranno più imprenditori come Ferrero
    Padoan: Il Paese cresce grazie alle riforme
    Tags:
    pensioni, Tito Boeri presidente dell`INPS, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik