10:44 25 Aprile 2017
    Via della Conciliazione

    Barcaccia, Franceschini: “Vandali, non tifosi”

    Igor Mikhalev
    Italia
    URL abbreviato
    0 2610

    Il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini torna sull'episodio che ha visto protagonisti i supporter del Feyenoord dello scorso 19 febbraio, proprio alla vigilia del match di ritorno. Rotterdam blindata per paura di incidenti e ritorsioni.

    "Non sono tifosi, sono vandali che fingono di essere tifosi. E'stato un episodio inqualificabile e intollerabile". E' questo il giudizio del ministro per i Beni Culturali italiano, Dario Franceschini, in questi giorni negli Stati Uniti per la presentazione del programma di Expo 2015. Il ministro in queste ore ha anche fatto visita all'Istituto Italiano di cultura a New York per illustrare l'iniziativa del governo italiano denominata Art Bonus, ossia l'agevolazione fiscale per gli investimenti in arte e cultura.

    E proprio a margine di questo evento, coinciso con la riapertura della preziosa biblioteca "Lorenzo Da Ponte", Franceschini ha risposto alle domande dei cronisti italiani sui fatti di Piazza di Spagna, proprio nel giorno in cui le due squadre (e le due tifoserie) si incontreranno nuovamente per la gara di ritorno, prevista per questa sera a Rotterdam. "Contro certi scempi ai beni artistici delle città occorrono specifici accordi internazionali. Si può aumentare la vigilanza, la città di Roma sta facendo un investimento su un sistema di telecamere, si può aumentare la prevenzione ma — ha ribadito il ministro — questo fenomeno va contrastato con accordi internazionali".

    Nel frattempo Rotterdam è pronta ad accogliere i quasi 3 mila tifosi italiani partiti da Roma per la gara valevole per i sedicesimi di Europa League. Le autorità locali, che hanno predisposto misure di sicurezza eccezionali, hanno in queste ore lanciato l'allarme di possibili infiltrazioni di tifosi di altre nazionalità tra le file dei supporter delle due squadre. E mentre si moltiplicano insulti e prese in giro via web, è il capitano della Roma Francesco Totti a cercare di abbassare i toni. "Io mi diverto sul campo. Quelle immagini esterne sono bruttissime per tutti. Bisognerebbe fare come hanno fatto in Grecia — ha concluso l'attaccante italiano — prendere dei seri provvedimenti e sospendere i tornei". 

    Correlati:

    Le prime pagine italiane del 26 febbraio
    Tags:
    Dario Franceschini, Roma, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik