13:46 09 Maggio 2021
Interviste
URL abbreviato
Di
171
Seguici su

Anche il soggiorno nell’albergo come il caffè diventa “sospeso” per aiutare il turismo a ripartire.

L’idea è stata lanciata da Fabrizio e Aida, gestori di un Bed and Breakfast di Napoli Toledo Station, che per far fronte alla crisi economica dettata dall’emergenza coronavirus e alle numerose spese accumulate hanno deciso di chiedere aiuto ai loro clienti che si tramuta in un anticipo del prossimo soggiorno a Napoli.

Per maggiori dettagli Sputnik Italia ha raggiunto Fabrizio De Lella, proprietario del B&B Toledo Station in via Toledo a Napoli, a ridosso dell’omonima fermata della metropolitana classificata come “la più bella d’Europa”.

— Fabrizio, ci può dire perché avete deciso di lanciare l’iniziava “soggiorno sospeso”? 

— La disperazione ci ha spinto a trovare una soluzione per resistere. Ci siamo affidati allo stile napoletano del caffè sospeso per portare avanti il soggiorno sospeso che ci ha dato la possibilità di non chiudere la nostra attività.

Abbiamo contattato tutti i nostri vecchi clienti in giro per il mondo facendoci dare un acconto sia per loro, sia per i loro amici.

— Da quanto tempo gestisce questo B&B? Che effetti economici ha avuto la pandemia sulla vostra struttura?

— La nostra B&B è una azienda familiare gestita da me e mia compagna. Sono oramai 10 anni che portiamo avanti questo lavoro e accogliamo gli ospiti da tutto il mondo con la missione di far conoscere a tutti la nostra splendida terra.

Purtroppo il turismo è stato il primo ad essere colpito e sarà ovviamente l'ultimo a riprendersi. Abbiamo passato i 14 mesi facendo fatturato zero. Prima del Covid noi eravamo sempre pieni per 12 mesi all’anno anche perché abbiamo ricevuto un premio importantissimo dal The Guardian che ci hanno nominato tra i tra i 10 migliori B&B in Europa. Il nostro successo è anche dovuto al fatto che io e mia campagna siamo i due viaggiatori, prima della pandemia viaggiavano 7 mesi all’anno. Questo ci da la possibilità di capire di cosa hanno bisogno degli ospiti e di dargli un supporto migliore.

— Come si può aderire alla campagna di crowdfunding dal punto di vista tecnico?

— In effetti basta andare sul portale buonacausa.org – una piattaforma di raccolta fondi, dove ci sono tutte le attività che chiedono aiuto, tra cui anche il nostro B&B Toledo Station.

Si versa un acconto, scrivendo nella casella della data d’arrivo “verremo quando passa la pandemia”, e vi sono due anni di tempo per usufruire del servizio non appena si potrà tornare a viaggiare.

Di solito la campagna di crowdfunding è lo strumento per chiedere l’aiuto senza ricevere nulla in cambio. E noi invece diamo comunque un acconto per il prossimo soggiorno.

— Quante persone vi hanno risposto fino ad oggi? Da dove provengono?

— In questo momento abbiamo più di 250 sostenitori in giro per tutto il mondo: dagli Stati Uniti all’Australia, dalla Svizzera alla Francia, dalla Spagna alla Grecia. Dopo 20 giorni che abbiamo aperto il crowdfunding, abbiamo raccolto 15,5 mila euro.

— Secondo te, perché vi hanno deciso di dare una mano in questo periodo difficile per tutti? Hai una spiegazione?

— L’hanno senz'altro fatto per l’amore e per il senso di comunità! Hanno sentito il nostro grido di dolore e c hanno dato una mano che si scambia.

In questo momento siamo tutti un po’ depressi, perché non possiamo ancora viaggiare. La nostra iniziativa darà agli ospiti l’energia positiva per poter pensare di andare in vacanza. Ora sanno che appena questo incubo finirà, la prima tappa che faranno sarà Napoli.

— Avete pensato di ringraziarli in qualche maniera per il loro prezioso sostegno?

— Assolutamente sì! Quando gli ospiti, che ci hanno sostenuto, giungeranno al nostro B&B, per la fiducia e per l'attesa riceveranno in omaggio una gita in barca. I primi clienti arriveranno già nei primi giorni di giugno. Verranno con me per fare un bel giro per la costa di Napoli con l’aperitivo e il bagno.

Посмотреть эту публикацию в Instagram

Публикация от ısnı⅁ Giusi G. (@___isuig___)

— Come verranno spesi i soldi che avete raccolto? Vi permetteranno di superare la crisi?

— Il denaro ricevuto dai nostri clienti ci permetterà di pagare le bollette, il condominio e l’affitto e soprattutto di restare a galla. Finalmente l’amore vince contro il male!

— Perché non vi siete rivolti allo Stato? Avete ricevuto i famosi ristori?

— Purtroppo no perché c’è una problematica che riguarda la nostra regione Campagna. Per una legge del 2001, i B&B locali possono aprire solamente con codice fiscale. Però i ristori del governo vengono dati solo con la Partita Iva. Per questo motivo noi siamo stati penalizzati oltremodo – per i 14 mesi siamo stati aperti senza turisti e non abbiamo ricevuto nessun ristoro.

— È possibile superare questa ingiustizia?

— Io sono anche il Presidente di un comitato in difesa dei B&B. Stiamo cercando di far cambiare la legge, soprattutto perché noi paghiamo tutte le tasse…

— Pensi che altri gestori napoletani, che si trovano in difficoltà, si riuniscono alla vostra iniziativa? Il soggiorno sospeso potrebbe diventare un trend?

— Abbiamo lanciato un appello sulle varie reti nazionali e internazionali per incentivare tutti i B&B della nostra città a seguire il nostro esempio per dare la possibilità a Napoli di poter risollevarsi dalle macellerie prima degli altri. Se ci riuscisse a creare un network con tutti i nostri colleghi, ovviamente Napoli riuscirebbe a rilanciarsi già da maggio.

  • B&B Toledo Station di Napoli
    B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
  • Una stanza nel B&B Toledo Station di Napoli
    Una stanza nel B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
  • Ritratto di Che Guevara nel B&B Toledo Station di Napoli
    Ritratto di Che Guevara nel B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
  • Una stanza con la bandiera brasiliana nel B&B Toledo Station di Napoli
    Una stanza con la bandiera brasiliana nel B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
  • La cucina nel B&B Toledo Station di Napoli
    La cucina nel B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
  • Una stanza con il ritratto di Maradona nel B&B Toledo Station di Napoli
    Una stanza con il ritratto di Maradona nel B&B Toledo Station di Napoli
    Fabrizio De Lella
1 / 6
Fabrizio De Lella
B&B Toledo Station di Napoli

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook