07:54 23 Ottobre 2020
Interviste
URL abbreviato
Cooperazione Italia Russia (101)
0 70
Seguici su

Meno tasse, meno ostacoli al business straniero ed un governatore disposto a metterci la faccia. L'esempio della regione russa della Baschiria.

Nel 2021 la città di Ufa in Baschiria ospiterà la 47° edizione del Congresso Mondiale degli apicoltori, Apimondia. Quello già in calendario per l'anno prossimo è soltanto il più lontano, in ordine di tempo, appuntamento che potrà rinnovare le relazioni commerciali di questa regione russa con l'Italia, iniziate nel 1967.

Se le parole possono essere anche al miele, i fatti parlano chiaro. In questa regione opera con successo uno dei maggiori investitori italiani in Russia nel settore alimentare e la sua presenza fa da apripista a nuove presenze commerciali.

Di che tipo ed in quali settori lo illustra Andrey Nazarov, vice premier ministro della Repubblica del Bashkortostan, che ha risposto alle domande di Sputnik Italia sul potenziale di investimento di questa regione russa.

Qual è lo stato dell'arte nelle relazioni tra la regione russa del Bashkortostan (Baschiria) e l’Italia? Se non erro, sono relazioni con una storia ormai ventennale.

Il Bashkortostan e l’Italia sono legati da rapporti commerciali e d’amicizia solidi che si declinano in tutti i settori, dall’economia e l’imprenditoria all’istruzione e la scienza, alla cultura e il turismo. Le fondamenta delle relazioni commerciali risalgono a mezzo secolo fa, nel 1967, quando con la partecipazione di una società italiana si diede avvio all’industria chimica in Baschiria.

© Sputnik
Andrey Nazarov
In epoca contemporanea i primi accordi di cooperazione con i colleghi italiani furono sottoscritti 18 anni fa, nell’aprile del 2002 con la visita dell'allora Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario d’Italia in Russia Gianfranco Bonetti nella Repubblica di Bashkortostan e l’Accordo di cooperazione tra l’Associazione delle organizzazioni imprenditoriali della Repubblica di Bashkortostan e GIM Unimpresa di Mosca. Sono attivi anche accordi con la Camera di commercio italo-russa e con Confindustria Russia.

Su cosa si basano questi buoni rapporti? Che cosa desiderano gli investitori italiani quando si recano in Bashkortostan, quali sono le richieste che vi fanno ed i motivi per i quali accordano la loro preferenza alla vostra regione? 

La nostra collaborazione si fonda sul rispetto e l’interesse reciproci. Contiamo su buone prospettive per la realizzazione di nuovi progetti in molti comparti economici, in ambito industriale e agricolo. Oltre al supporto a grandi progetti, prevediamo anche di sfruttare più attivamente le potenzialità delle Piccole e Medie Imprese.

Con la partecipazione di capitale italiano in Bashkortostan sono state create e sono oggi attive diverse imprese impegnate nei più diversi settori:

  • ristorazione
  • edilizia
  • manutenzione
  • assembalggio di macchinari e strumentazioni industriali
  • produzione di vino e distillati.
  • Riceviamo a cadenza regolare offerte da parte di società italiane che cercano nuove opportunità di investimento.

Quale gamma di proposte siete ora in grado di offrire ai partner italiani?

Oggi ai partner italiani proponiamo l’attuazione di progetti congiunti con la concessione di un’ampia gamma di sovvenzioni e linee preferenziali. Sono attive 5 aree di sviluppo rapido (TOSER) e la zona economica speciale Alga. I residenti di queste aree hanno accesso ad agevolazioni fiscali e immobiliari, a spazi produttivi attrezzati ed a molto altro.

Giacimento di rame e zinco Podolsk: la terra baschira è ricca di materie prime
© Sputnik . Aleksandr Kondrotyuk
Giacimento di rame e zinco "Podolskiy": la terra baschira è ricca di materie prime

La settimana scorsa in una videoconferenza con il presidente di Confindustria Russia, il governatore Radiy Khabirov ha detto che predilige incontrare in prima persona gli investitori, "metterci la faccia", come si suol dire. Quali investimenti di successo a matrice italiana sono già attivi in Baschiria?

Un esempio virtuoso di partenariato con l'Italia è la presenza in Baschiria della grande holding alimentare, Gruppo Cremonini. Nel periodo 2019-2021 si prevede la costruzione di un feedlot di 104 ettari. Al momento è in corso la costruzione di piattaforme per l’allevamento di 6.000 capi di bestiame con una capacità superiore a 22.000 tonnellate di latte di alta qualità. Il volume totale di investimenti è di circa 3 miliardi di rubli. Siamo intenzionati a continuare questi rapporti vicendevolmente vantaggiosi.

Avete mantenuto relazioni economiche con la parte italiana anche durante la pandemia? Come intendete procedere al momento?

Partecipante alla festa tradizione del Sabantue a Samara
© Sputnik . Vitaliy Timkiv
La pandemia da coronavirus rappresenta un’ottima occasione di sviluppo. In questo periodo stiamo ponendo in essere con successo una serie di progetti per sostenere l’economia e l’imprenditoria della Repubblica del Bashkortostan. Di fatto stiamo lavorando individualmente con ogni singola società.

Stiamo adottando lo stesso approccio anche con i partner stranieri. Ad esempio, abbiamo instaurato un rapporto di collaborazione con il Centro internazionale di cooperazione commerciale e culturale Russkij Dom in Italia.

Un altro esempio: la nota società italiana Marcegaglia sta vagliando la possibilità di dislocare in Bashkortostan uno stabilimento siderurgico per la produzione di barriere di sicurezza stradale e altri prodotti del settore. A disposizione della società vi sono già alcuni siti dislocati nelle zone a sviluppo rapido e nella zona economica speciale "Alga". Le trattative proseguono.

All'estero Ufa è conosciuta per aver ospitato il VII summit dei paesi BRICS nel 2015. Un'altra eccellenza baschira conosciuta oltreconfine è il miele, è cosi?. 

La Repubblica di Bashkortostan e la sua capitale sono note anche per il loro potenziale congressuale ed espositivo. Ogni anno si tengono diverse conferenze internazionali, eventi business, congressi ed esposizioni commerciali: il Forum russo dell’industria, al Forum agroindustriale, all’Esposizione AgroKompleks, al Forum russo petrolifero-gasiero e alla Esposizione internazionale “Gas. Petrolio. Tecnologia”, al Forum “Tempo di esportare”, nonché al Forum delle PMI dei Paesi dei BRICS e della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai. Sono ccasioni per attirare partner stranieri e rendere possibile l'ingresso su nuovi mercati stranieri ai produttori baschiri. 

La Repubblica di Bashkortostan si sta preparando al quarantasettesimo Congresso internazionale degli apicoltori Apimondia che si terrà nel 2021 a Ufa. Invitiamo gli apicoltori italiani a prendervi parte!
© Sputnik . Host photo agency/Alexei Danichev
Un uomo in costume tipico baschiro: sullo sfondo il centro congressi che ha ospitato il summit BRICS ad Ufa

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

Tema:
Cooperazione Italia Russia (101)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook