22:36 04 Agosto 2020
Interviste
URL abbreviato
Di
270
Seguici su

Bergamo è una delle città che ha visto uno dei bilanci peggiori sia in termini di vittime che di casi di coronavirus. Proprio per questo motivo è stata lanciata una iniziativa di beneficienza da Confindustria Russia, l’associazione degli Imprenditori Italiani in Russia e il direttore di Rothshchild & Co in Russia e nei paesi CIS.

La Lombardia è la regione che più ha sofferto a causa di questa terribile pandemia con Milano, Brescia e Bergamo tra le città più colpite in Italia. In particolare Bergamo è la città che ha pagato il prezzo più alto in termini di vite umane. Infatti nella città i decessi sono quintuplicati (568%)rispetto allo stesso periodo dello scorso anno secondo i dati Istat-Iss.

È in questo contesto di grande difficoltà e sofferenza per la Provincia di Bergamo, che, Confindustria Russia, l’associazione degli Imprenditori Italiani in Russia, del Presidente Ernesto Ferlenghi  in cooperazione con Giovanni Salvetti, Direttore di Rothschild & Co nella Federazione Russa e CIS Countries e bergamasco egli stesso, hanno lanciato una iniziativa di beneficenza a favore del Fondo di Mutuo Soccorso aperto dal Sindaco del Comune di Bergamo Giorgio Gori, per affrontare l’emergenza del COVID19.

È possibile prendere parte all’iniziativa acquistando in formato digitale sulle principali piattaforme di e-commerce il libro per ragazzi dal titolo “Arturo e l’Unicorno” scritto e illustrato da Giovanni Salvetti, che ha ceduto i diritti d’autore a scopo benefico a favore della sua città natale Bergamo.

Sputnik Italia dunque ha deciso di intervistare il Dott. Salvetti e chiedergli da dove viene l’idea di scrivere un libro per ragazzi e di come è nata questa iniziativa benefica.

– Dott. Salvetti, lei, a quanto ho letto è un bergamasco DOC, immagino mantenga contatti giornalieri con la sua città, qual è la situazione adesso lì? Ha avuto modo di recarsi lì negli ultimi tempi?

– No, non sono stato a Bergamo recentemente, e, sì, ho i miei genitori a Bergamo. Chiaramente è la situazione più grave che si possa trovare in Italia e in Europa. I numeri li sa, sono abbastanza impressionanti. È anche un po' sorprendente perché è difficile capire come mai Bergamo è stata colpita così severamente da questa emergenza; è una città che in genere funziona bene, con una buona struttura ospedaliera, piuttosto efficiente. È stata colpito in maniera molto violenta.

– Da dove è nata l’ispirazione per scrivere Arturo e l’Unicorno?

– Siccome io viaggio spesso, sono raramente a casa, e quindi in quei momenti i miei figli vogliono che gli racconti delle storie. Tuttavia non vogliono che io gliele legga, vogliono proprio che io le inventi. In altre parole mi danno un soggetto e invento la storia.Allora una volta una gli è piaciuta così tanto che mi hanno detto di scriverne una. 

– Si potrebbe dire che Arturo in qualche maniera possa rappresentare lei durante la sua infanzia o è un personaggio completamente immaginario?

– No, è un personaggio completamente immaginario perché ne ho raccontate 300, 400 di storie ai miei figli, quindi questa era una di quelle. Certo, quando uno le scrive ci mette qualcosa di suo, però diciamo che la base era un personaggio completamente immaginato.

– Come mai non ha mai promosso il libro?

– Allora è stato promosso e venduto in formato cartaceo. La parte stampata è stata promossa e venduta lo scorso anno sostanzialmente. Lo abbiamo pubblicato il 18 dicembre e poi per Natale abbiamo lo abbiamo venduto. Il ricavo ottenuto dalle copie vendute è stato dato in beneficenza per varie associazioni che aiutano i bambini. Poi è saltata fuori questa iniziativa del Fondo di mutuo soccorso di Bergamo. Io e un mio amico stavamo pensando che dovevamo cercare di far qualcosa per la città di Bergamo, perché veniamo entrambi da lì e abitiamo a Mosca. Allora abbiamo pensato che tra le varie cose che potevamo fare avremmo potuto lanciare la versione digitale che tutti potessero comprare e poi dare i proventi a questo fondo istituito dal sindaco Gori per aiutare la città di Bergamo.

– Da chi è giunta la proposta per questa iniziativa di beneficenza?

– Beh più che iniziativa, è stata un’idea. È stato lanciato il fondo, allora io sono entrato in contatto con il municipio e col sindaco Gori e gli ho proposto di promuovere questo libro e di destinare i ricavi a questo fondo, sperando che la gente lo compri.


Il libro per ragazzi dal titolo “Arturo e l’Unicorno” è acquistabile online in italiano al prezzo di 3,00 Euro, scritto e illustrato da Giovanni Salvetti, lieto di cedere i diritti d’autore a scopo benefico a favore della sua città natale Bergamo.

Oltre alla versione originale in italiano è stato tradotto in altre tre lingue: russo, inglese e ucraino ed è stato pubblicato da Aegitas.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook