01:49 18 Novembre 2019
Russian Export Center in Italia

Le compagnie russe alla conquista dei mercati globali

© Foto : Evgeny Utkin
Interviste
URL abbreviato
Di
2141
Seguici su

Alla fiera Host 2019, tra centinaia di eccellenze italiane, anche una dozzina di compagnie russe, portate a Milano dal Russian Export Center.

Si è appena conclusa la maggiore fiera mondiale per apparecchiature professionali del mondo dell’Ho.Re.Ca, HostMilano. La 41esima edizione (la fiera si tiene ogni due anni) ha raccolto 2.249 espositori di cui 1.360 italiani e 889 internazionali, provenienti da 55 Paesi.

Secondo I dati del Sistema Informativo Ulisse elaborati per HostMilano, nel 2018 il commercio mondiale delle apparecchiature professionali ha raggiunto un giro d’affari di 54,8 miliardi di euro, con l’Italia tra i Paesi esportatori leader a livello mondiale.

La manifestazione è stata organizzata in macro-aree; nel settore Bakery/Pizza/Pasta, rispetto alla precedente edizione, il numero di espositori è cresciuto di circa un quinto (+19%) mentre nel complesso la macro-area che lo vede abbinato alla Ristorazione Professionale incrementa dell’8%. Aumentano sempre dell’8% rispetto al 2017 le aziende presenti anche nella macro-area Gelato/Pastry con Bar/Macchine caffè/Caffè-Tea/Vending.

Come è naturale per una fiera italiana, ben 4 dei padiglioni sono stati dedicati al caffè, con il tè letteralmente sommerso tra macchinari grandi e piccoli per la preparazione della più classica delle bevande italiane. In effetti, non solo il caffè, ma anche le macchine da caffè stesse sono una eccellenza italiana, senza esclusione della geopolitica. Alcuni produttori si lamentano: “Se abbiamo una macchina che vogliono in tutto il mondo, perché non possiamo portarla in Iran? Perché ci mettono delle barriere e ci dicono che qui posso vendere e lì no?” La risposta a tante domande simili rimane in sospeso.

Anatoly Trapeznikov
© Foto : Evgeny Utkin
Anatoly Trapeznikov
A proposito di Paesi esteri, tra i molti produttori italiani e stranieri si trovano anche alcune aziende russe. Appena entrati nel secondo padiglione, troviamo lo stand del Russian Export Center, con cinque compagnie russe in catalogo, sparse in diversi padiglioni: Vesta che produce forni speciali e grill, Micron, che produce scaffalature commerciali di ogni genere, standard e non, ed inoltre Robolabs, OBERBI e DoECO. Come dice Ivan Titov, capo dello sviluppo business di Micron, “in questa fiera sono presenti poche scaffalature, e così noi siamo più visibili, e comunque abbiamo avuto tanti contatti buoni”. “Sono stati incontri molto positivi”, conferma anche Anatoly Trapeznikov, titolare di Vesta.

Micron
© Foto : Evgeny Utkin
Micron

Scopriamo poi che ci sono altre compagnie russe, da quelle molto grandi a quelle decisamente più piccole. Molto apprezzato lo stand di Abat, che vende apparecchiature industriali di ogni genere, e dove non si ferma per un attimo la fila di clienti. “La produzione di Abat è nota sul mercato russo da decine di anni, siamo leader per le apparecchiature professionali in Russia. Cinque anni fa abbiamo quindi deciso entrare sui mercati esteri. Adesso il 20-25 % della produzione va all’export, e noi vogliamo essere rappresentati negli show-room dei nostri distributor nei principali paesi del mondo. Partecipiamo alla fiera Host già per la quarta volta, e siamo contenti. Per noi questa fiera è un’ottima opportunità per avere nuovi contatti, stipulare contratti e avere anche feedback di quelle persone che hanno comprato da noi. Possiamo anche trovare dei nuovi distributori. Ad esempio, solo oggi ho parlato con persone provenienti da India, Australia, Argentina. Adesso qui da noi ci sono i nostri partner che lavorano sul mercato CSI,ci sono passati i nostri distributori da Singapore. E poi ovviamente c'è un discorso d’immagine, vogliamo essere tra i big mondiali“, dice Alexander Ilyin, direttore marketing di Abat.

Ci sono insomma compagnie russe che hanno fame di conquistare il mercato estero, e questa fiera è un’opportunità. Altre, come LEVIN (produzione di scaffali frigo a Kostroma) sono invece già conosciute sui mercati internazionali. Come racconta direttore Sergey Levin, nel 2017 la compagnia ha aperto la sua rappresentanza in Italia, per coordinare meglio il mercato EMEA. E adesso i prodotti LEVIN si trovano in diversi paesi, inclusi Israele, Germania, Turchia. Evgeny Maskaev, rappresentante di Varnitsa, racconta: “HOST è stata molto interessante per noi. Abbiamo conosciuto i nostri concorrenti, abbiamo parlato con i clienti potenziali e ora vogliamo, a breve, aprire una rappresentanza in Italia”.

Evgeny Utkin allo stand di Russian Export Center in Italia
© Foto : Evgeny Utkin
Evgeny Utkin allo stand di Russian Export Center in Italia

Evgeny Strogonov, consigliere del Russian Export Center in Italia, ha visitato la fiera e ha incontrato alcune compagnie italiane e russe: “Tante compagnie italiane, soprattutto piccole e medie, vorrebbero entrare sul mercato russo, ma non sanno come fare. E tante compagnie russe, eccellenti nel loro paese, vorrebbero conquistare i mercati internazionali. E non tutti sanno delle opportunità che diamo con Russian Export Center, oppure I centri di export locali e le camere di commercio. Ovviamente, solo con gli sforzi comuni si arriva a un buon risultato”. 

Oltre ad incontri, negoziati agli stand, visite dei colleghi e concorrenti tipiche di ogni fiera, Host si è distinta per circa 500 eventi, di formazione e di svago, tra cui, per i più golosi, il campionato mondiale di Cake Design, che ha vinto Jowita Woszczynska. L’artista polacca ha conquistato anche il premio per la miglior torta da esibizione e da degustazione. Il secondo posto lo ha invece conquistato l'italiana Manuela Taddeo, mentre il terzo la peruviana Monica Muñante.

I punti di vista e le opinioni espressi nell'articolo non necessariamente coincidono con quelli di Sputnik.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik