23:04 17 Aprile 2021
  • Una scuola cattolica distrutta a Mosul durante l'occupazione dell'Isis
  • I lavoratori dell'UNESCO con le lastre di marmo
  • La vista di Mosul che è stato distrutto durante l'occupazione dell'Isis
  • L'installazione del banner per la visita del Papa Francesco a Ninive
  • I muri distrutti della chiesa cattolica sira a Mosul
  • Il poster di Maria di Nazareth sulla porta della chiesa a Mosul
  • La chiesa cattolica sira a Ninive
  • I lavoratori dell'UNESCO spostano le lastre di marmo vicino a Hosh al’Bieaa
  • Mosul è una città che è stata distrutta durante l'occupazione dell'Isis
  • I lavoratori dell'UNESCO durante i preparattivi per accogliere il Papa Francesco a Mosul
  • La foto della croce sul muro di una chiesa a Mosul
  • I lavoratori preparano la chiesa cattolica sira per accogliere il Papa Francesco
  • La chiesa cattolica sira a Ninive, una delle più famose città antiche
© AFP 2021 / Zaid Al-Obeidi
Una scuola cattolica distrutta a Mosul durante l'occupazione dell'Isis

Il Papa Francesco arriverà a Baghdad e Mosul per onorare la memoria delle vittime che sono state uccise durante la guerra. Le autorità dell’Iraq si preparano ad accogliere Papa Francesco all'inizio del marzo 2021.

Il Papa si recherà in Iraq venerdì 5 marzo e resterà per 4 giorni, fino all'8 marzo. Una visita di portata storica, la prima nel Paese, già teatro di sanguinarie guerre, e la prima uscita internazionale di Bergoglio durante l'emergenza pandemica.

Francesco si recherà a Baghdad, Najaf, Ur, Erbil, Mosul e Qaraqosh e visiterà le chiese profanate dall'Isis durante l'occupazione, per pregare per le vittime della guerra.

Papa Francesco partirà il 5 marzo alla volta di Baghdad, dove arriverà nel pomeriggio, accolto dal premier Mustafa al Khadimi. Il giorno dopo il Papa volerà a Najaf, città santa sciita, dove incontrerà il Grande Ayatollah Ali Al Sistani.  

Domenica 7 marzo Francesco volerà quindi a Erbil, dove sarà accolto dalle autorità religiose e civili della regione autonoma del Kurdistan iracheno.

Sarà poi a Mosul, per la preghiera di suffragio per le vittime della guerra presso Hosh al-Bieaa (piazza della Chiesa), poi a Qaraqosh, per la visita alla comunità cristiana locale e la recita dell'Angelus. Nel pomeriggio tornerà a Erbil per celebrare la messa allo Stadio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre foto