21:48 03 Dicembre 2020
  • I sostenitori di Donald Trump durante il rally di Las Vegas
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
  • Una manifestante con un cartello Frenate il furto fuori dal Philadelphia Convention Center
  • I manifestanti pro-Trump alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
  • Partecipante alla manifestazione dei sostenitori di Donald Trump Frenate il furto contro i risultati delle elezioni presidenziali a Phoenix
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Washington, USA
  • Un sostenitore di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Salem, USA
  • Sostenitore di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Madison, USA
  • Una manifestazione pro-Trump Frenate il furto a Phoenix, USA
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
  • Un sostenitore di Donald Trump partecipa a una protesta Stop the Steal ad Atlanta, USA
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Las Vegas, USA
  • Sostenitori di Donald Trump alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
  • Partecipanti alla protesta Stop the Steal a Phoenix, USA
© AP Photo / Wong Maye-E
I sostenitori di Donald Trump durante il rally di Las Vegas

Il presidente incombente ha dichiarato di non aver intenzione di riconoscere la vittoria di Joe Biden alle elezioni del 3 novembre e ha annunciato nuove azioni legali a partire dalla prossima settimana.

Non si placano le proteste e le manifestazioni negli Stati Uniti dopo l'annuncio del raggiungimento della soglia legale di 270 grandi elettori da parte del candidato democratico Joe Biden.

Le scene di maggior tensione si sono verificate nello stato del Michigan, uno di quelli risultati decisivi per la vittoria del candidato democratico. In diverse città, tra cui Lansing, i sostenitori del presidente uscente sono scesi in strada per far sentire la propria voce al grido di "Stop the steal" ("Frenate il furto").

Dopo aver appreso ufficialmente del raggiungimento del numero legale di grandi elettori per l'elezione alla presidenza degli Stati Uniti di Joe Biden, il presidente incombente Donald Trump ha annunciato, come del resto ci si aspettava, nuove ed importanti azioni legali.

Il presidente americano Donald Trump ha rinnovato la propria critica verso le autorità di quegli stati che hanno autorizzato la ricezione di schede elettorali ricevute dopo la chiusura dei seggi lo scorso 3 novembre, definendo la conta di tali voti illegale e capace di cambiare l'esito delle elezioni in tali stati.

"Decine di migliaia di voti sono stati illegalmente ricevuti dopo le 8 di sera martedì, giorno dell'Election Day, cambiando completamente il risultato in Pennsylvania e in altri stati con uno scarto minimo. D'altra parte, centinaia di migliaia di voti non sono stati osservati...", ha scritto Trump sulla propria pagina Twitter.

Sin dalle primissime ore dopo la chiusura dei seggi lo scorso 3 novembre, il presidente Trump e il suo staff hanno chiesto ripetutamente l'interruzione del conteggio dei voti arrivati nei seggi dopo la chiusura di questi ultimi, denunciando frodi e brogli in sede elettorale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre foto