03:22 03 Dicembre 2020
  • I cani cosmonauti sovietici Belka e Strelka.
  • La cabina ermetica degli animali nel contenitore catapultabile a bordo della navicella satellite.
  • Il contenitore catapultabile dei cani Belka e Strelka che volarono nello spazio sulla nave Sputnik-5 il 19 agosto 1960.
  • I medici tirano fuori i cani dopo il test dalla cabina del razzo.
  • Gli scatti di Belka trasmessi da bordo della navicella Sputnik-5 durante il volo.
  • Il modello del contenitore catapultabile della seconda navicella spaziale sovietica lanciata nell'orbita il 19 agosto 1960 con a bordo i cani Belka e Strelka.
  • Il cane cosmonauta Belka dopo il ritorno sulla Terra.
  • L'accademico Oleg Gazenko e i cani cosmonauti Belka e Strelka alla conferenza stampa dedicata al volo della navicella satellite con a bordo gli animali.
  • Belka e Strelka, 1960. Immagine dal film-documentario sovietico Terra-Spazio-Terra.
  • I cani Belka e Strelka danno un'intervista al corrispondente della radio di Mosca, 1960.
  • Belka e Strelka, 1960. Immagine dal film-documentario sovietico Terra-Spazio-Terra.
  • Una ragazza coccola i cani cosmonauti sovietici Belka e Strelka, 1960.
  • Il monumento a Belka e Strelka che effettuarono il volo nello spazio 60 anni fa, regione di Mosca.
© Sputnik
I cani cosmonauti sovietici Belka e Strelka.

60 anni fa, il 19 agosto 1960, la navicella spaziale “Vostok” con a bordo i cani Belka e Strelka eseguì un volo di 24 ore e tornò sulla Terra.

Prima di inviare l’uomo nello spazio furono effettuati dei numerosi esperimenti con gli animali sulle navicelle satelliti della Terra. Nella fine del 1948 su iniziativa di Sergej Korolev prese via il lavoro di determinare le reazioni di animali superiori alle condizioni del volo in razzo. Dopo delle lunghe discussioni decisero che l’oggetto biologico delle ricerche sarebbe stato il cane. 

Nel contenitore catapultabile oltre Belka e Strelka si trovavano 12 topi, insetti, piante, culture fungine, semi di mais, frumento, piselli, cipolle, alcuni tipi di microbi e altri organismi biologici. Fuori dal contenitore catapultabile nella cabina della navicella furono messi 28 topi da laboratorio e due ratti bianchi.

Il 20 agosto 1960 la navicella con a bordo gli animaletti atterrò con successo nella zona prestabilita. Per la prima volta nel mondo delle creature viventi tornarono sulla Terra dopo essere state nello spazio.

I cani diventarono i favoriti di tutti. Li portarono negli asili nido, nelle scuole, orfanotrofi. I cani non volarono più. Rimasero a vivere presso l’istituto della ricerca. Tutti e due vissero fino alla tarda età. Strelka ebbe tanti figli. Uno dei suoi cuccioli, Pushok, venne regalato alla moglie del presidente statunitense, Jacqueline Kennedy.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre foto