09:26 30 Marzo 2020
  • L'artista iraniano Hamid Ebrahimnia ha messo alla torre Milad di Teheran, la più alta in Iran, una mascherina gigantesca.
  • Statue in mascherine a Wuhan, Cina.
  • Il poster della Monna Lisa di Leonardo da Vinci in mascherina a Barcellona.
  • Un murales a Shanghai, Cina.
  • Una mascherina è stata messa sulla faccia della statua di San Francesco a San Fiorano.
  • Un murales contro la xenofobia verso i cinesi a Roma.
  • Una statua in mascherina a Pechino.
  • La statua di Madre Teresa di Calcutta a Pristina, Kosovo.
  • Una statua in mascherina a Wuhan, Cina.
  • La vita dentro la zona rossa: un pensionato senza mascherina passa in bicicletta davanti una statua con la faccia coperta con una mascherina con la scritta F**k virus a San Fiorano, chiusa per l'epidemia del coronavirus.
  • Una statua in mascherina a Pechino.
  • Un uomo fotografa una statua in mascherina a Pechino.
  • Una statua indossa una mascherina in un parco Huaian, Cina.
  • Statue in mascherine a Pechino.
  • Un uomo fotografa una statua in mascherina a Pechino.
L'artista iraniano Hamid Ebrahimnia "ha messo" alla torre Milad di Teheran, la più alta in Iran, una mascherina gigantesca.

L'epidemia del coronavirus ha interessato non soltanto intere nazioni, ma anche vari oggetti di cultura ai quali, per paura del contagio, sono state messe le mascherine protettive.

Diversi oggetti del patrimonio culturale "temono" il contagio del nuovo coronavirus, per questo ad alcuni di essi hanno messo le mascherine (reali e virtuali).

All'inizio di marzo un artista iraniano Hamid Ebrahimnia ha pubblicato su Instagram la sua nuova opera. Grazie al modellamento e all'animazione l'artista "ha messo" alla torre Milad di Teheran, la più alta in Iran, una mascherina gigantesca. Secondo Hamid, questo filmato immaginato simboleggia la voglia di combattere il coronavirus a Teheran.

Посмотреть эту публикацию в Instagram

Публикация от Hamid Ebrahimnia (@hamidebrahimnia)

Inoltre, adesso anche la Monna Lisa è protetta, mentre la statua di Madre Teresa di Calcutta sembra essere stata molto ligia alle prescrizioni dei medici e delle autorità. Altri monumenti e graffiti adesso "indossano" le mascherine in tutto il mondo.

Forse ecco perché le mascherine sono esaurite in tutte le farmacie? Tanto non solo gli umani ne hanno bisogno.

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre foto

  • I dipendenti allo stabilimento Dongfeng Honda durante la pausa pranzo a Wuhan, Cina.
    Ultimo aggiornamento: 14:46 27.03.2020
    14:46 27.03.2020

    I fatti della settimana in 20 fotografie

    La galleria fotografica settimanale di Sputnik rappresenta una raccolta di foto che mostrano gli eventi più importanti avvenuti in tutto il mondo negli ultimi sette giorni.

    18
  • La maschera facciale, raccomandata dalla protezione civile della Germania occidentale come protezione contro le ricadute radioattive ad Amburgo, Germania, il 24 aprile 1957. Il vetro scuro a destra protegge l'occhio da una luce intensa mentre lo specchio a sinistra consente a chi lo indossa di leggere le indicazioni  dell'intensità della radioattività
    Ultimo aggiornamento: 15:14 26.03.2020
    15:14 26.03.2020

    Le maschere protettive nella storia

    L'emergenza Coronavirus ha fatto salire il prezzo alle stelle di mascherine e gel antibatterici.

    Infezione di coronavirus diventa pandemia
    16
  • Ghiaccio sul lago Onega in Carelia, Russia
    Ultimo aggiornamento: 15:03 25.03.2020
    15:03 25.03.2020

    Primavera in Carelia

    La Carelia è una regione storica, patria dei careliani, popolazione che abitava nelle vaste aree dell'Europa settentrionale, di importanza storica per Finlandia, Svezia e Russia.

    14
  • Csaba Posta, specialista IT che lavora da casa, studia con sua figlia Vilma durante la quarantena per l'epidemia del coronavirus a Budapest, Ungheria, il 19 marzo 2020
    Ultimo aggiornamento: 15:34 24.03.2020
    15:34 24.03.2020

    Smart working ai tempi del coronavirus

    L’emergenza Coronavirus, costringendo le persone a restare casa, ha riportato alla luce il fenomeno dello smart working. La crisi Covid-19 ha cambiato la vita di tutti i giorni, ma può anche rappresentare un’occasione per ripensare il mondo del lavoro.

    12