18:40 29 Ottobre 2020
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
  • Il Bunker-703 di Mosca
© Sputnik . Kirill Kallinikov
Un reperto all'interno del museo "Bunker-703" di Mosca.

Nelle viscere di Mosca, nascosto agli occhi frettolosi dei passanti e distratti dei turisti, si snoda un sistema di tunnel e gallerie pensate per salvarsi in caso di attacco nucleare.

Il Bunker-703 per decenni è stato utilizzato dal Ministero degli Esteri dell'Unione Sovietica e della Russia come archivio speciale protetto: qui venivano conservati importanti documenti e materiali che racchiudevano i segreti di stato. 

Nel 2018 il bunker, situato alla profondità di 43 metri, è stato "mandato in pensione" ovvero dichiarato"tecnicamente desueto" e trasformato in museo: si tratta dell'unico luogo in Mosca dove i visitatori possono calarsi nelle viscere delle terra in uno dei tunnel fatti costruire da Stalin ed azionare con le proprie mani il segnale di allarme da attacco nucleare, oppure "passeggiare" in una galleria parallela ed identica a quelle dove corrono i treni della metropolitana.

L'accesso al Bunker-703 avviene attraverso un anonimo cancello situato in un vicolo lontano appena 1,5 km in linea d'aria dal Cremlino: nel bunker vengono organizzate escursioni classiche, lezioni, ed anche quest ed attività di team-building.  

 

Tags:
metropolitana, il ministero degli Esteri, Unione Sovietica, Bunker
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre foto