Widgets Magazine
07:06 22 Agosto 2019
  • Lo tsunami dopo il terremoto - Miyako, 11 marzo 2011
  • Il mercantile da 4724 tonnellate 'Asia Symphony' scaraventato a riva dallo tsunami
  • Militare porta in salvo un anziano vittima del terremoto
  • Tsunami nella prefettura di Fukushima - 11 marzo 2011
  • Propagazione dell'onda tsunami sul fiume Naka nella città di Hitachinaka
  • 9 giorni dopo lo tsunami a Onagawa, vicino alla centrale nucleare
  • Imbarcazione turistica finita sopra un edificio nella città di Otsuchi
  • Donna disperata a Rikuzentakata nella prefettura di Iwate, 8 giorni dopo la tragedia
  • La devastazione nella città di Yamada nella prefettura di Iwate, il giorno dopo il terremoto
  • Auto bruciate da un incendio provocato dal terremoto a Hitachinaka nella prefettura di Ibaraki, 3 giorni dopo la tragedia
  • Un uomo cerca di confortare una donna in lacrime a Watari nella prefettura di Miyagi, 3 giorni dopo terremoto e tsunami
  • Effetti del terremoto e tsunami sulla città di Kessennuma nella prefettura di Miyagi, 9 giorni dopo la tragedia
© AFP 2019 / JIJI PRESS
Lo tsunami dopo il terremoto - Miyako, 11 marzo 2011

L'11 marzo 2011 al largo della costa della regione di Tōhoku, nel Giappone settentrionale, alle ore 14:46 locali si scatenava il più potente sisma mai registrato in Giappone ed uno dei più grandi della Storia a livello mondiale.

La magnitudo, che raggiunse i 9 gradi della scala Richter, innescò uno tsunami catastrofico che, a sua volta, causò danni ai reattori delle centrali nucleari di Fukushima. Morirono circa 20mila persone, danni e conseguenze ambientali sono a tutt'oggi ancora incalcolabili. Le coste più colpite dalle onde anomale, la cui altezza massima pare abbia raggiunto i 40 metri,  sono state quella della prefettura di Iwate e di Miyagi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre foto