Widgets Magazine
23:05 21 Agosto 2019
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Nature’s Revenge: Wildlife in the Chernobyl Exclusion Zone
  • Nature’s Revenge: Wildlife in the Chernobyl Exclusion Zone
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
  • Chernobyl, dove la natura si è ripresa tutto quello che era suo
© AP Photo / Sergiy Gaschak
Cavalli in libertà nei boschi della zona di esclusione, interdetta alle attività umane

Trent'anni e più dopo la tragedia di Chernobyl, la cossiddetta "zona di esclusione" nel raggio di 30 km dalla centrale nucleare, è tornata in possesso della natura.

Nella zona di esclusione sono interdette le attività umane, anche se qualche decina di abitanti è tornata a vivere nelle proprie case nei boschi, così i boschi sono ora abitati da centinaia di specie animali.

Queste fotografie, di corredo ad uno studio pubblicato dal biologo Jim Smith dell'Università di Portsmouth, ci mostrano che "escluso" l'uomo, la natura si è davvero ripresa quello che le apparteneva.

Tags:
Chernobyl
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre foto