18:07 11 Dicembre 2018
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
  • Maria Zakharova visita il campo estivo Artek in Crimea.
© Sputnik . Ramil Sitdikov
Il portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in visita al Centro internazionale giovani internazionale "Artek" in Crimea.

Maria Zakharova al campo estivo "Artek" in Crimea.

Il portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha visitato il Centro giovani internazionale "Artek" — il campo estivo più famoso dell'URSS e della Russia che si trova sulla costa del Mar Nero in Crimea.

Correlati:

Maria Zakharova balla Kalinka
Tags:
Maria Zakharova, Crimea

Altre foto

  • La facciata del centro espositivo Manezh di Mosca, illuminata con i colori della bandiera italiana
    Ultimo aggiornamento: 16:32 11.12.2018
    16:32 11.12.2018

    L'Italia conquista il cuore di Mosca

    La bandiera italiana illumina la facciata del Maneggio di Mosca, proprio a due passi dal Cremlino, ed invita i russi a scoprirla ancora meglio.

    12
  • Vivere sulle isole Curili
    Ultimo aggiornamento: 11:56 10.12.2018
    11:56 10.12.2018

    Casa vista Giappone: la vita dei russi alle Curili

    Rivendicate dal Giappone, ma abitate dai russi: la vita sulle isole Curili.

    12
  • Una modella durante la sfilata di moda Versace a New York.
    Ultimo aggiornamento: 15:00 08.12.2018
    15:00 08.12.2018

    Le foto della settimana

    Le foto della settimana (dal 1 al 7 dicembre).

    19
  • Il terremoto di Spitak del 7 dicembre 1988
    Ultimo aggiornamento: 11:00 07.12.2018
    11:00 07.12.2018

    30 anni dopo Spitak ringrazia ancora l'Italia

    Trent'anni fa in Armenia quattrocento centri abitati vennero rasi al suolo dal terremoto più devastante del dopoguerra. Il mondo intero non restò a guardare e l'Italia, ferita pochi anni prima dai terremoti in Friuli ed Irpinia, prestò il suo aiuto alla popolazione armena, che ne beneficia ancora oggi.

    20