17:25 17 Maggio 2021
Economia
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Causa pandemia, l’anno scorso l’azienda britannica aveva interrotto la produzione di auto di lusso, ma aveva avuto un boom nella produzione dell’esclusivo miele del suo ‘R-R Apiary’, una iniziativa nata nel 2017 per far fronte alla crisi delle api. Quest’anno, con l’arrivo della stagione, la casa di Goodwood ha pubblicato un curioso annuncio.

Creato nel 2017, l'apiario di Goodwood comprende sei arnie tradizionali in legno, ognuna dedicata ad uno dei modelli prodotti fisicamente negli impianti sede della Rolls-Royce Motor Cars Limited. L’iniziativa era nata nello spirito di difendere le api britanniche, patrimonio gravemente a rischio dopo la malattia che sull’arcipelago aveva iniziato a diffondersi a partire dal 2007 e ne aveva falciliato la popolazione.

In quanto grande impollinatrice, l'ape è essenziale e una sua crisi comporta una carenza non soltanto di miele, ma un rallentamento di tutto il ciclo riproduttivo vegetativo generale con danni enormi per l’agricoltura.

Per tali motivi i responsabili dell’azienda avevano pensato di sfruttare l’aera a bosco e prato di oltre 20 ettari dello stabilimento per promuovere e salvaguardare l’apicoltura. Oggi la casa automobilistica dispone di un esercito di circa 300mila api che, mentre la produzione umana stenta per via della pandemia, la loro sta andando a gonfie e vele.

“La Rolls-Royce Apiary si è dimostrata incredibilmente popolare e gratificante da quando l'abbiamo fondata tre anni fa. Grazie all'interesse dei media in tutto il mondo, le nostre api sono diventate piccole celebrità e il loro progresso è monitorato da vicino dai nostri clienti e follower in tutto il mondo. Con la primavera ormai alle porte, e i fiori selvatici in fiore che compaiono nel nostro sito e nella campagna circostante, invitiamo i colleghi a fungere da apicoltori volontari per la nuova stagione di produzione del miele. È una meravigliosa opportunità per essere direttamente coinvolti nella conservazione delle api, che è così fondamentale nel sostenere un ecosistema sano e sostenibile e la produzione di cibo. Inoltre, i colleghi potranno essere orgogliosi di aiutare le api a creare un prodotto naturale disponibile in quantità ancora più esclusive rispetto alle nostre rinomate automobili!", ha scritto Richard Carter, Direttore delle comunicazioni globali, in un annuncio in cui si invitano i dipendenti a svolgere part-time il lavoro di apicoltori.

In questi anni le api hanno costantemente prosperato in un ambiente perfettamente adatto alle loro abitudini, nutrendosi della miriade di fiori selvatici che crescono non solo nei boschi e prati del sito, ma anche sul vasto tetto vivente ricco di sedum dello stabilimento di produzione. Talmente prosperato che ora l’azienda invita i propri dipendenti a darsi anche all’apicoltura.

I potenziali candidati saranno invitati a partecipare a una sessione introduttiva dove i selezionati riceveranno quindi una formazione tecnica e attrezzature. Gli operai-apicoltori lavoreranno nell'apiario nel loro tempo libero nei fine settimana su base volontaria.

Tuttavia, le loro ricompense in natura saranno considerevoli. Oltre a dare un contributo diretto alla conservazione delle api mellifere ed avere la soddisfazione di contribuire alla realizzazione di un prodotto ancora più esclusivo, potranno portarsi a casa preziosi vasetti altrimenti riservati ai soli acquirenti di auto della casa Rolls-Royce, non propriamente a portata di operaio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook