17:02 17 Maggio 2021
Economia
URL abbreviato
0 51
Seguici su

Gli analisti di Citigroup e dell'Agenzia internazionale dell'energia hanno avvertito che il surplus di petrolio che si è accumulato durante la pandemia di coronavirus sta per esaurirsi.

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha rilevato che i Paesi sviluppati hanno meno del 20% di riserve extra nei loro impianti di stoccaggio. Queste stime sono state effettuate a fine febbraio e per questo hanno tenuto conto delle riserve nelle condizioni delle misure anti-contagio e lockdown, oltre che del rallentamento dell'attività economica.

"Le scorte di petrolio commerciale nell'Ocse sono già tornate alla loro media quinquennale. Ciò che resta del surplus è quasi interamente concentrato in Cina, che sta costruendo una riserva di petrolio", ha detto l'analista di Citigroup Ed Morse.

Per il nuovo riequilibrio del mercato petrolifero mondiale e la crescente domanda di carburante, secondo gli economisti, il prezzo del petrolio è risalito a 67 dollari al barile, situazione che alimenta le preoccupazioni di alcuni governi sulla probabile crescita dell'inflazione.

Nei primi giorni di aprile i Paesi OPEC + hanno concordato un aumento graduale della produzione petrolifera tra maggio e luglio 2021.

Tags:
Energia, Petrolio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook