13:53 16 Maggio 2021
Economia
URL abbreviato
Di
102
Seguici su

La misura servirà a promuovere l'accesso delle donne al mercato del lavoro. Non sarà un bonus in denaro ma un credito per accedere a corsi di formazione professionale.

Un fondo per promuovere la formazione e aumentare le possibilità di accesso al mercato del lavoro per le donne che non hanno alternative che quella di occuparsi dei lavori domestici.

È una delle misure contenute nello scorso decreto agosto e che sarà riproposta in un provvedimento ad hoc del ministero delle Pari Opportunità.

L’obiettivo del “bonus casalinghe”, così è stato ribattezzato l’incentivo, è quello di favorire l’inclusione delle donne, tra le più penalizzate dalla pandemia.

A promuovere l’ingresso nel decreto agosto di un fondo di tre miliardi per agevolare l’accesso al lavoro di chi si dedica ai lavori di casa e alla gestione della famiglia era stata la ministra renziana Elena Bonetti.

Il bonus, come spiega il Messaggero, è rivolto a tutte quelle donne che sono costrette ad occuparsi dei lavori domestici perché non trovano uno sbocco professionale.

Tra i requisiti per accedere alla misura di sostegno c’è quello di essere impegnate a tempo pieno nelle faccende domestiche e di non avere, quindi, un impiego lavorativo. Le beneficiarie dovranno inoltre avere la cittadinanza italiana oppure un regolare permesso di soggiorno. Non sono richiesti, invece, vincoli legati all’Isee.

Non si tratta però di un contributo in denaro, ma della possibilità di accedere a corsi di formazione professionale gratuiti finalizzati all’inserimento nel mondo del lavoro.

Con tutta probabilità la richiesta per ottenerlo andrà presentata all’Inps, mentre il bonus sarà erogato sotto forma di credito per frequentare le lezioni. I corsi, come si legge sempre sul Messaggero, riguarderanno in particolare il settore digitale.

Secondo gli ultimi dati Istat in Italia le donne che si dedicano a tempo pieno della casa e della famiglia sono sette milioni. La metà di loro risiede nelle regioni del Sud Italia, mentre la restante parte è distribuita fra quelle del Centro e del Nord.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook