01:57 17 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
321
Seguici su

L'oro non sta attraversando il suo momento migliore: sta cessando di essere efficace nel proteggersi dai movimenti del mercato azionario e dall'inflazione. Inoltre affronta un rischio di ribasso derivante dalla ripresa economica dopo la pandemia. Questo è quanto segnalato da Russ Koesterich della società di investimento BlackRock.

La capacità del metallo prezioso di proteggere gli investitori dall'inflazione, secondo l'esperto, "è stata un po' esagerata". Sebbene rimanga una riserva di valore equo a lungo termine, è meno affidabile nella maggior parte degli orizzonti di investimento, osserva Koesterich in una pubblicazione citata da Bloomberg.

Nonostante il recente rimbalzo, il prezzo dei lingotti nel 2021 è finora diminuito, poiché la ripresa economica guadagna più trazione e i rendimenti dei titoli statunitensi aumentano.

Tuttavia questo non significa che gli investitori debbano abbandonare l'oro. Piuttosto, tenerlo nel proprio portafoglio insieme ad altre attività aiuta a bilanciare gli alti e bassi di altre azioni, in particolare il prezzo delle azioni.

In questo momento tale metallo non funziona bene come copertura contro il tasso di inflazione, anche se lo ha fatto contro il dollaro. L'oncia continua a mostrare una forte relazione inversa con la valuta statunitense.

"In assenza di una visione forte su un dollaro in calo, possederei meno oro", scrive Koesterich.

Alla fine del 12 marzo, il prezzo dell'oro era scambiato a 1.728,16 dollari l'oncia con un calo di quasi il 13% dal 5 gennaio, quando valeva 1.951,34 dollari. Nel frattempo, tra gli indici di riferimento, l'S & P 500 ha guadagnato quasi il 4% nel 2021.

Oggi le principali economie mondiali stanno facendo tutto il possibile per guidare la ripresa dalla pandemia. La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha recentemente dato il via libera a una proposta di legge di stimolo economico da 1,9 trilioni di dollari proposta dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden. In questo modo, l'iniziativa ha superato il suo ultimo ostacolo al Congresso.

"Più stimoli e una migliore distribuzione dei vaccini suggeriscono la possibilità di un rimbalzo economico. Se ciò accadrà, è probabile che i tassi reali continuino a salire da livelli ancora storicamente bassi. Come è avvenuto il mese scorso [a febbraio], questo probabilmente è sfavorevole all'oro", conclude Koesterich.

Il calo dei lingotti quest'anno è stato accompagnato da un costante calo delle partecipazioni nei cosiddetti ETF (Exchange Traded Funds) garantiti dall'oro. Il volume globale di questi prodotti è precipitato a livelli che non si vedevano da giugno e ha visto un calo di circa 150 tonnellate finora nel 2021.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook