00:51 11 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
140
Seguici su

La nuova scoperta sarà collegata all'hub di produzione di Johan Castberg.

Un nuovo giacimento di idrocarburi è stato scoperto nella parte norvegese del Mare di Barents dalla società Vår Energi, controllata da Eni con una quota del 69,85% e partecipata da HitecVision col restante 30,15%. 

"La scoperta è stata effettuata con la perforazione del pozzo 7220/7-4 sul prospetto esplorativo denominato Isflak. Vår Energi detiene il 30% di interesse partecipativo nella licenza, Equinor è l'operatore della licenza con il 50% e Petoro ne detiene il restante 20%", si afferma in una nota di Eni.

Le prime stime suggeriscono che l'ammontare complessivo di idrocarburi nel giacimento oscillerebbe tra i 65 e i 100 milioni di barili. La nuova scoperta sarà collegata all'hub di produzione di Johan Castberg. 

Vår Energi detiene oltre 140 licenze per la produzione di petrolio e gas in 35 giacimenti ed opera su tutta la piattaforma continentale norvegese. Vår Energi produce al momento circa 300.000 barili di olio equivalente al giorno.

Eni è una compagnia energetica italiana che opera in 66 Paesi con un personale lavorativo di 32mila persone. L'azienda è impegnata nell'esplorazione, nello sviluppo e nella produzione di petrolio e gas, nella raffinazione-commercializzazione-trasporto di materie prime, nonché si occupa di fonti di energia rinnovabile.

Tags:
Mare di Barents, Energia, Gas, Petrolio, Economia, Italia, ENI
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook