11:17 17 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

La Libia ha intenzione di incrementare la produzione del petrolio a 1,4 milioni di barili al giorno entro la fine di quest'anno, lo ha riferito a Bloomberg il presidente della compagnia petrolifera libica (NOC), Mustafa Sanalla.

"La Libia si pone l'obiettivo di aumentare la produzione del petrolio a 1,4 milioni di barili al giorno entro la fine di quest'anno", ha dichiarato Sanalla in un'intervista rilasciata all'agenzia.

Inoltre, il presidente della National Oil Corporation libica ha fatto notare che la Libia auspica di aumentare la produzione del greggio a 1,6 milioni di barili al giorno nei prossimi due anni ed a 2,1 milioni di barili al giorno nei prossimi quattro anni.

Sanalla ha osservato che il raggiungimento di questi obiettivi dipenderà da diversi fattori.

I fattori principali che favoriranno tale sviluppo sono:

  • la pace nel Paese che permetterà di agire in sicurezza
  • lo stanziamento dei fondi statali per il ripristino delle infrastrutture energetiche

Stando al rapporto dell'OPEC di febbraio, la produzione del petrolio in Libia a gennaio era di 1,164 milioni di barili al giorno, il 4,2% in meno rispetto a dicembre 2020.

In media nel 2020, secondo il documento, la produzione del greggio nel Paese è stata di 368mila barili al giorno, nel 2019 - quasi 1,1 milioni di barili al giorno. All'accordo dell'alleanza OPEC+ partecipano solo 10 dei 13 paesi che partecipano all'OPEC: sono esenti dall'adempimento dell'accordo Iran, Venezuela e Libia.

Industria petrolifera e situazione interna in Libia

Lo scorso 18 settembre il capo dell’Esercito Nazionale Libico (LNA) maresciallo Khalifa Haftar ha annunciato il riavvio di estrazione ed esportazione del petrolio dai porti della Libia, chiusi da gennaio 2020 per via delle azioni belliche. Il giorno successivo la NOC ha abrogato lo stato di emergenza in giacimenti e porti. In seguito a settembre il Paese è arrivato a produrre 1,3 milioni di barili di petrolio al giorno, partendo praticamente da zero.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook