21:54 17 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
531937
Seguici su

Cambierà il reddito di cittadinanza ma non in peggio, anzi si prevedono misure migliorative per ampliare la platea dei riceventi e per togliere alcune attuali penalizzazioni alle famiglie numerose.

Il reddito di cittadinanza subirà delle modifiche normative di cui per ora solo si vocifera, sul tavolo solo le prime proposte e idee, ma quel che appare essere chiaro è che questo strumento di sostegno economico non solo non potrà essere eliminato, forse per molti altri anni ancora, ma va addirittura potenziato.

Queste almeno le intenzioni della sottosegretaria all’Economia Maria Cecilia Guerra, la quale intervistata dal quotidiano Avvenire, ha affermato che la “rete di protezione” va confermata e con la calibrazione di “alcune misure per avere il miglior effetto possibile”.

La proposta della sottosegretaria Cecilia Guerra è di rendere meno penalizzante per le famiglie numerose il Reddito di cittadinanza e di estenderlo anche agli immigrati che hanno meno di 10 anni di residenza in Italia.

E la proposta di rafforzare e non di depotenziare il Reddito di cittadinanza, come da tempo vorrebbero alcune forze politiche di centrosinistra e di centrodestra, trova maggiore supporto a seguito della pubblicazione da parte dell’Istat dei dati provvisori sulla povertà assoluta in Italia nel 2020.

Il numero di persone povere in Italia è aumentato di 1 milione, si contano sul totale 5,6 milioni di poveri assoluti, di cui quasi 1,4 milioni sono bambini.

I correttivi al Reddito di cittadinanza

Togliere il requisito dei 10 anni di residenza in Italia è uno dei primi paletti che la sottosegretaria vorrebbe venisse meno nella revisione del reddito di cittadinanza. In questo caso dovrebbero essere ammessi tutti gli immigrati con un permesso di soggiorno di lungo periodo.

Quindi ricalibrare il reddito affinché non sia più penalizzante per le famiglie numerose, perché altrimenti molti minori crescerebbero “in condizioni di difficoltà di partenza da cui è difficile uscire in futuro”, ha detto Cecilia Guerra all’Avvenire.

Nessuna modifica invece per evitare che il reddito di cittadinanza possa essere richiesto da chi non ne ha diritto, mentre resta il Reddito di emergenza che verrà rifinanziato insieme ai sistemi di protezione per lavoratori anche autonomi.

Tags:
Economia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook