03:20 15 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
16516
Seguici su

Passaporto vaccinale determinante per la prossima stagione estiva, dopo l'azzeramento del turismo invernale e le limitazioni per le festività pasquali.

L'assenza di turisti stranieri nella stagione estiva rappresenta un costo per mancate spese che può raggiungere i €12 miliardi. Questa perdita ricade non solo direttamente sulle attività afferenti al sistema turistico nazionale, ma indirettamente su attività complementari.

I turisti stranieri in Italia acquistano prodotti di enogastronomia, vestiti, prodotti artigianali, oltre ai consumi più marcatamente attinenti al turismo, come alloggio, ristorazione, trasporti e divertimento. 

Da uno studio di Coldiretti su dati Bankitalia, in riferimento all'importanza del via libera al certificato vaccinale europeo per l'estate annunciato dal presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, emerge che l'assenza di 22,3 milioni di viaggiatori stranieri nella stagione estiva 2020 è costata ben €11,2 miliardi.

Il turismo interno non riesce a compensare gli ingressi provenienti dalle spese degli stranieri. 

"L’assenza di stranieri in vacanza in Italia grava sull’ospitalità turistica nelle mete più gettonate che risentono notevolmente della loro mancanza anche perché i turisti dall’estero da paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna o la Cina hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa ma che adesso sono anche quelli che stanno procedendo velocemente nella campagna di vaccinazione", sottolinea Coldiretti.

​Senza il passaporto vaccinale rischia di andare in fumo pure la prossima stagione estiva, dopo l'azzeramento del turismo invernale e le limitazioni a cui saranno sottoposte le festività pasquali. 

Nel solo mese di luglio 2020, l'assenza di stranieri in vacanza in Italia è costata più di 3 miliardi al sistema turistico nazionale per le mancate spese non effettuate.

Tags:
Coldiretti, Turismo, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook