09:43 14 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
433
Seguici su

Esaurimento dei pozzi e riduzione dei prezzi mettono a dura prova il settore petrolifero siciliano, in crisi anche per il calo della domanda dovuto all'emergenza Covid-19.

Più che dimezzate in soli 5 anni le estrazioni di petrolio e gas siciliani sulla terraferma. Lo rivela un'inchiesta pubblicata da Repubblica sulla crisi petrolifera di quelle aree che nel corso degli anni si erano guadagnate il titolo di "Texas della Sicilia" per la ricchezza di idrocarburi.

Le estrazioni nei giacimenti di Gela, Ragusa, Troina dal 2015 al 2020 si sono più che dimezzate, passando da 900 mila tonnellate a 400 mila, solo per quanto riguarda la terra ferma. 

Una situazione allarmante dovuta non solo all'esaurimento dei pozzi, ma anche alla riduzione della domanda e al conseguente calo dei prezzi del petrolio, aggravati nell'ultimo anno dall'emergenza Covid-19.

Crollo delle royalties

Il mancato ingresso delle royalties versate dalle compagnie petrolifere, non incide solo sulle casse della regione, ma anche sui comuni. Le somme vengono infatti ripartite fra per un terzo alla regione e per due terzi fra i comuni interessati all'estrazione. Il sindaco di Ragusa, Peppe Cassì, annuncia tagli gravosi per via del mancato incasso, con cui viene finanziato il consorzio universitario. Dal 2014 al 2020, gli ingressi delle royalties si sono ridotte da 78,1 a poco più di 20 milioni di euro. 

L'allarme dei sindacati

La crisi estrattiva dell'industria di idrocarburi siciliana potrebbe sfociare in un'ondata di licenziamenti. E' l'allarme dei sindacati che guardano con apprensione alla data di scadenza del blocco licenziamenti, fissata al 31 marzo. Alcune società petrolifere hanno già messo in cassa integrazione i loro dipendenti e i rappresentanti dei lavoratori temono per la continuità industriale delle stesse nel territorio. 

"Il petrolio di Ragusa valeva appena 5 anni fa, qualcosa come 300 milioni di euro in termini di fatturato. È una ricchezza di cui il territorio non può fare a meno”, avvertono Filctem Cgil e Uiltec Uil. 

 

 

Tags:
Petrolio, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook