22:51 25 Febbraio 2021
Economia
URL abbreviato
Di
5162
Seguici su

La società svedese investirà quattro miliardi di euro. Lo stabilimento sorgerà nella area ex Olivetti vicino a Torino e impiegherà 4.000 persone.

Le batterie a ioni di litio per l’alimentazione delle auto elettriche parleranno sempre più italiano. La società Italvolt, infatti, ha deciso di costruire un impianto per la produzione e lo stoccaggio di questo tipo di batterie in Piemonte, e sarà il più grande d’Europa.

L’investimento dell’azienda fondata e guidata dallo svedese Lars Carlstrom sarà di quattro miliardi di euro. La fabbrica sorgerà nell’area ex Olivetti di Scarmagno vicino Torino e impiegherà direttamente 4.000 dipendenti a cui si aggiungeranno altri 10.000 nell’indotto.

La Gigafactory

Inizialmente l’impianto avrà una capacità di 45 gigawatt che salirà a 70. La "Gigafactory" sarà la prima in Italia e sarà completata entro la primavera del 2024.

La zona industriale dismessa ex Olivetti è stata scelta da Italvolt "per le sue caratteristiche tecniche e per la sua collocazione geografica particolarmente favorevoli", secondo quanto spiega la nota della società. L’area si estende per circa un milione di metri quadri di cui la Gigafactory occuperà 300.000 metri quadrati.

Il nuovo impianto sarà progettato dalla divisione Architettura di Pininfarina.

Carlstrom: in Piemonte il giusto mix

Per il patron di Italvolt "il sostegno della Regione Piemonte, delle amministrazioni locali e delle associazioni di categoria è stato oltre le nostre aspettative, l'intensa e proficua collaborazione degli ultimi otto mesi è stata determinante per la nostra decisione”.

"(in Piemonte, ndr) abbiamo trovato la perfetta combinazione dei fattori che credo siano necessari per cogliere al meglio l'opportunità dell'industrializzazione verde: una solida tradizione industriale e un know-how tecnologico altamente specializzato proprio nell'industria automobilistica" ha aggiunto il numero uno dell’azienda.

Carlstrom ha detto anche di essere "entusiasta" e "onorato di avere la possibilità di costruire la nostra Gigafactory nell'area di Scarmagno, un tempo occupata dal polo industriale Olivetti, azienda che ha segnato la storia dell'industria italiana e ancora oggi rappresenta un'icona della tecnologia made in Italy".

Tags:
auto elettrica, Torino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook