14:46 05 Marzo 2021
Economia
URL abbreviato
1153
Seguici su

La Banca centrale russa ha reso noti i dati relativi al 2020 sull'ammontare del capitale straniero negli istituti di credito e assicurativi della Federazione.

La quota di capitale straniero nel capitale sociale cumulativo degli organismi finanziari russi è diminuita nel 2020 dello 0,83% e al 1° gennaio 2021 è stata pari al 10,96%.

In calo anche il capitale cumulativo di provenienza estera nelle compagnie assicurative russe: -0,43% nei dodici mesi del 2020, con una quota attuale pari al 10,40%-

"Il volume della partecipazione di capitale straniero nel capitale sociale cumulativo degli istituti di credito autorizzati a svolgere operazioni bancarie, al 1° gennaio 2021, ammontava al 10,96% (al 1° gennaio 2020 - 11,79%), nel capitale sociale cumulativo delle organizzazioni assicurative - 10,40% (dal 1° gennaio 2020 - 10,83%)", si legge nel rapporto della Banca di Russia.
Le monete d'oro della Banca di Russia dedicata a San Giorgio

Stando ai dati della banca centrale del Paese, l'ammontare degli investimenti esteri calcolato per determinare il volume della partecipazione al capitale sociale cumulativo delle banche è stata di 308.278 miliardi di rubli (3,43 miliardi di euro) su un capitale sociale cumulativo delle banche pari a 2.814 trilioni di rubli (31,34 miliardi di euro).

Gli investimenti esteri nel capitale sociale delle compagnie di assicurazione nel 2020 sono stati pari a 22,867 miliardi di rubli (254.677.645 di euro), mentre il loro capitale sociale cumulativo è stato di 219,799 miliardi di rubli (2,45 miliardi di euro).

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook