00:16 06 Marzo 2021
Economia
URL abbreviato
0 91
Seguici su

Secondo il regolatore, l'Agenzia federale tedesca per la navigazione marittima e l'idrografia, la richiesta di modifica dell'autorizzazione è frutto di ritardi imprevedibili al di fuori della zona economica esclusiva tedesca.

L'ente competente tedesco ha dichiarato di prorogare fino a maggio l'autorizzazione per i lavori di posa dei tubi nell'ambito della costruzione del gasdotto Nord Stream-2, dotato di una capacità di trasporto di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla Russia verso la Germania.

In un comunicato stampa l'agenzia ha spiegato che il gestore di Nord-Stream-2 aveva precedentemente richiesto di modificare l'autorizzazione per la posa dei tubi. Il permesso, rilasciato nel 2018, riguarda i lavori di una nave ancorata nella zona economica tedesca del Mar Baltico, a sud di Bornholm.

Gasdotto Nord-Stream-2

Nord Stream 2 sarà un gasdotto con due rami di 1.199 chilometri che trasporterà circa 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla Russia alla Germania attraverso le acque territoriali o zone economiche esclusive di Danimarca, Finlandia, Germania, Russia e Svezia nel Mar Baltico

Gli Stati Uniti e alcuni dei loro alleati in Europa si sono opposti al progetto, sostenendo che aumenterà la dipendenza europea dal gas russo. Mosca nega le accuse, dicendo che questo progetto è puramente economico e sollecitando gli Stati Uniti a non politicizzarlo..

Pressioni Usa

Il 1° gennaio il Senato degli Stati Uniti ha adottato un nuovo bilancio della difesa, che prevede di colpire la suddetta infrastruttura energetica russa con nuove sanzioni. La società norvegese DNV GL ha annunciato di terminare i controlli sul gasdotto e di non poter certificare i lavori per timore delle sanzioni americane. Tuttavia le autorità russe sono fiduciose che il progetto sarà completato, notando il sostegno delle autorità tedesche e dei partner europei di Gazprom.

Tags:
Gazprom, Russia, Gas russo, Nord Stream 2, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook